​Vaccini bluff, operazione Euro Green Pass. Le intercettazioni dell'infermiere: «In un anno mi compro casa»

Martedì 11 Gennaio 2022 di Lorenzo Sconocchini
L'infermiere getta il vaccino per simulare l'iniezione (dal video della polizia)

ANCONA - Servisse un trailer per presentare l’operazione “Euro Green Pass”, l’indagine della Squadra mobile che ieri ha portato all’esecuzione di 50 misure cautelari, basterebbe estrapolare sei minuti tra le tante ore di filmati registrati dalle micro-telecamere piazzate dagli investigatori nel box dove operava il finto vaccinatore.

Tra le ore 9 e 45 e le 9 e 51 del 6 dicembre scorso Emanuele Luchetti, infermiere professionale, finge di praticare l’iniezione in rapida sequenza a tre della stessa famiglia arrivata ad Ancona da Civitanova.

 
Padre e due figli, una dei quali appena 14enne, sfilano nella cabina porgendo il braccio scamiciato, ma quel che accade lo inquadrano bene le micro-telecamere piazzate dalla Mobile diretta dal dottor Carlo Pinto. «Si nota Emanuele Luchetti, con la siringa nella mano destra, scaricare il contenuto della siringa all’interno del contenitore Agobox posto alle spalle del paziente ed immediatamente dopo apporre il cerotto sulla spalla sinistra dell’uomo», descrive la scena il giudice per le indagini preliminari Carlo Masini, nell’ordinanza. E altre volte il vaccino veniva sparato direttamente nel cestino.


La tecnica
Con quella stessa tecnica, tra il primo e l’8 dicembre, l’infermiere Luchetti avrebbe falsamente vaccinato 22 persone, tutti No Vax convinti o loro figli minorenni, che così hanno potuto continuare a fare la stessa vita di prima scaricando il Green pass rafforzato, benché esposti al contagio e senza protezione. Fino al 17 dicembre, quando l’ufficio del Pm dispone il sequestro delle certificazioni verdi relative alle simulate vaccinazioni emerse dalle indagini. E’ solo un caso, ma dal 18 dicembre Luchetti cambia modalità, appoggia più volte del cotone sul lembo di pelle in cui dovrebbe essere praticata l’iniezione. «Quindi è piuttosto agevole sostenere - conclude il Gip Masini - che il liquido interno alla siringa venga disperso sul cotone steso, in modo da non farne rimanere traccia, neanche nell’ago box o nel cestino dei rifiuti». Forse l’infermiere, ingolosito dalle tangenti da 3-400 euro intascate per ogni vaccino bluff, cominciava a farsi più prudente. Dal 23 dicembre poi ha una fifa tremenda, dopo aver letto sui giornali che a Palermo, in un’indagine per fatti analoghi, c’erano stati degli arrestati. Luchetti ne parla con il dottor Carlo Miglietta, il medico odontoiatra che fingendosi complice ha consentito alla Mobile di raccogliere prove decise, comprese numerose registrazioni con il telefonino. 


La provocazione
«Hai visto quell’episodio di Palermo?», chiede Luchetti al medico. «T’ha messo ansia...», lo provoca l’altro. «Eh n’attimo, lì per lì, la telecamerina, adesso so ossessionato da tutto, me metto a guardà dappertutto». Troppo tardi, perché nel frattempo gli investigatori della Mobile, coordinati dal pm Ruggiero Di Cuonzo, avevano raccolto materiale in abbondanza per chiederne l’arresto concesso dal gip, che parla nell’ordinanza «di inaudito spreco di una fondamentale e preziosa risorsa pubblica quale il siero vaccinale».


Il giudice sottolinea che Emanuele Luchetti, accusato di corruzione, falso e peculato, ha agito «per un riprovevole interesse personale di tipo patrimoniale». Nelle conversazioni registrate o intercettate, l’infermiere se ne vanta a più riprese. «Si stanno muovendo ste’ cose... Tutto si pensava tranne che in un anno io compravo la casa. Fino a ieri piangevo che non gliela facevo a pagare 100 euro”, dice l’11 dicembre parlando al telefono con Liana Spazzafumo, 60 anni, dirigente regionale in servizio all’Agenzia regionale della Sanità, a lui legata sentimentalmente. L’amica sorride: «Lo so ma le cose cambiano». E il giorno dopo, parlando con Miglietta, l’infermiere medita anche di cambiare l’auto. «E’ un macchinone, il mio futuro sogno», dice mostrando l’immagine di una bella vettura.


Lo sconto
Ma in alcune occasioni, a meno che non siano vanterie da spaccone, Luchetti avrebbe praticato le finte iniezioni sperando di avere in cambio prestazioni sessuali da giovani donne che aspiravano al Green pass abusivo. «Finora tutte storie un po’ stupidotte», si lascia andare a una confidenza con Miglietta alludendo a una finta vaccinata con cui averebbe avuto una storia di sesso, concludendo con la nota massima “la fi... è la fi...”. E in un’altra occasione, ma anche qui bisognerà vedere dove si spingono le millanterie, Luchetti racconta di uno sconto fatto a una coppia salita da Taranto per ingraziarsi un futuro esaminatore. «So’ amici di un mio professore. Questa gente dopo me darà una mano sugli esami».
 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA