Un piano d’inserimento
per i minori stranieri soli

Venerdì 19 Luglio 2019
ANCONA -  Sono 186 i minori stranieri non accompagnati presenti nelle strutture di accoglienza delle Marche e, per favorire, l’inclusione, partirà il progetto pilota “Ti accompagno io”, grazie alla Commissione territoriale per il riconoscimento della protezione internazionale di Ancona, l’Università Politecnica delle Marche e il Comune. «Ti accompagno io è un progetto di rete attivo a livello locale – spiega Maria Virginia Rizzo, presidente della Commissione Territoriale – e rappresenta l’avvio di un percorso virtuoso che porterà i minori ad acquisire le competenze necessarie per l’inserimento nel tessuto sociale italiano». Beneficiari del progetto sono i minori stranieri non accompagnati di età superiore a 15 anni presenti nelle strutture di accoglienza della regione. Previsto un corso online, sotto forma di video-lezioni e di contenuti scaricabili, accessibile da pc e cellulare. Il corso si svolgerà all’Informagiovani e, per garantire una comunicazione efficace, i video avranno come protagonisti giovani di età e con esperienze vicine a quelle dei destinatari (studenti universitari, ex minori con un percorso di integrazione avviato, mediatori linguistici/interpreti). 

Durante il corso verranno trattati aspetti fondamentali della vita del minore in Italia: ruolo delle istituzioni e delle figure destinate alla loro cura e assistenza, diritti e doveri, conoscenza dei servizi cui accedere in Italia, possibili percorsi professionali, di studio, lavoro, da intraprendere. Il prerequisito fondamentale è dato dalla conoscenza dell’italiano. L’idea progettuale è nata nel dicembre 2018 nell’ambito del tavolo strategico Trafficking, istituito dalla Commissione territoriale il 24 maggio 2018. Il Tavolo, a cui partecipano diverse istituzioni, tra cui l’Univpm e il Tribunale per i minorenni di Ancona, è nato con l’intento di mettere in atto iniziative a favore di soggetti che necessitano maggiore supporto, come minori stranieri non accompagnati, vittime di tratta, vittime di sfruttamento lavorativo e sessuale. © RIPRODUZIONE RISERVATA