Vitaletti ucciso a coltellate per strada
dal rivale geloso: domani l'autopsia

Il luogo dell'omicidio
Il luogo dell'omicidio
1 Minuto di Lettura
Martedì 31 Gennaio 2017, 19:14

ANCONA- Verrà eseguita domani pomeriggio, dal medico legale Adriano Tagliabracci l'autopsia sul corpo di Alessandro Vitaletti, il docente di lettere ucciso con 22 o 23 coltellate a Sassoferrato il 28 gennaio, sembra in un delitto passionale.
Sul corpo di Vitaletti sarebbero state riscontrate varie ferite alle mani, mentre una coltellata lo ha raggiunto tra il cuore e lo sterno. L'esame autoptico consentirà di accertare la dinamica dei colpi e forse verificare se vi siano elementi per avvalorare la tesi difensiva secondo cui vi sarebbero profili per sostenere la legittima difesa da parte dell'assassino, Sebastiano Dimasi. Oggi è stata eseguita un'ispezione sull'auto Alfa 159 dell'insegnante: non vi sarebbero tracce riferibili alla colluttazione né ammaccature. Il professore aveva parcheggiato per fare benzina in via Buozzi quando è stato raggiunto da Dimasi, muratore calabrese di 55 anni, che poco prima stava giocando a carte nel bar sull'altro lato della strada. L'operaio non avrebbe accettato la relazione tra l'insegnante e la moglie, da cui si era separato da tre mesi. Dimasi, difeso dall'avv. Enrico Carmenati, è stato poi fermato dai carabinieri dopo una notte di ricerche a Scheggia (Perugia) nei pressi della casa dove vive dopo la separazione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA