Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

"Mi faccio giustizia da sola"
Fermata con un coltello

"Mi faccio giustizia da sola" Fermata con un coltello
1 Minuto di Lettura
Lunedì 12 Maggio 2014, 10:57 - Ultimo aggiornamento: 14 Maggio, 09:32
CHIARAVALLE - Aveva telefonato ai carabinieri annunciando l'intenzione di farsi giustizia da sola. Quando i militari l'hanno rintracciata, la donna - una straniera dell'Est Europa di 45 anni residente a Chiaravalle, S.N. le sue iniziali - era entrata in casa di una pensionata con un coltello da macellaio nascosto nella borsa. I carabinieri l'hanno denunciata per detenzione abusiva di armi, procurato allarme e ubriachezza molesta. Nel tardo pomeriggio di sabato la donna aveva fatto una chiamata anonima a 112. "Visto che la Giustizia non funziona, mi faccio giustizia da sola”, aveva detto all'operatore che rispondeva dalla centrale di Ancona. Subito accertato l’intestatario del telefono e localizzata la telefonata, i militari di Chiaravalle sono stati in grado di intercettare immediatamente la donna, in evidente stato di alterazione psicofisica, che aveva fatto irruzione in casa di una pensionata di Chiaravalle, la quale si è riservata di presentare querela per violazione di domicilio. Esclusi quasi subito intenti ben più gravi, in quanto la straniera era in preda agli effetti dell’alcool, i militari l’hanno comunque trovata in possesso di un grosso coltello da cucina, del tipo da macellaio, che nascondeva nella borsa. La donna non ha saputo giustificare il possesso di quel coltello, che è stato subito sequestrato.
© RIPRODUZIONE RISERVATA