In fuga con un furgone rubato, finiscono in un fosso: erano in 4, i carabinieri arrestano due donne

Giovedì 19 Maggio 2022 di Talita Frezzi
I soccorsi sul luogo dell'incidente

STAFFOLO - Una chiamata al numero unico di emergenza 112 segnalava un incidente stradale lungo la Sp502 per Staffolo/Cingoli. Un furgoncino di una ditta del territorio uscito di strada in curva, forse a causa della velocità sostenuta, e rimasto in bilico su una scarpata. Ma in realtà non si trattava di un semplice fuoristrada quello di ieri verso le 20,30 bensì di un incidente a seguito di furto.

 

Secondo le prime indiscrezioni, sembra che a bordo del mezzo - un furgoncino della ditta “Sinergy” - vi fossero quattro persone (due uomini e due donne) e che quel mezzo fosse stato rubato poco prima a Cingoli. I quattro uomini a bordo, forse, dopo averlo rubato stavano scappando quando, nella curva dopo il bivio per San Paolo di Jesi, devono aver perso il controllo uscendo di strada. Tutti illesi (o comunque non feriti gravemente) quando hanno sentito arrivare le sirene dei sanitari dell’automedica del 118 con l’ambulanza della Croce Verde di Jesi e dei Vigili del fuoco, allertati dalle auto di passaggio, se la sono svignata a campi. Ai soccorritori non è rimasto altro da fare che rientrare in sede mentre i pompieri hanno rimesso in asse il furgone, rimasto in bilico su una scarpata. Intanto sono intervenuti i Carabinieri della Stazione di Staffolo e del Norm della Compagnia di Jesi. I militari hanno effettuato numerose ricerche su tutto il territorio. Sembra che nella tarda serata due donne siano state rintracciate. Sono in corso accertamenti. Degli altri due nessuna traccia, ancora. Si sono dileguati a campi. Ma le ricerche e le indagini continuano per chiarire la dinamica dei fatti e far luce su tutta la vicenda. L’episodio richiama quanto avvenuto a fine gennaio quando un autocarro con quattro o cinque persone a bordo era uscito fuori strada in località Cerrete Collicelli sfondando il guardrail e ribaltandosi nel campo adiacente alla carreggiata. I vigili del fuoco erano riusciti ad estrarre due persone dal mezzo, l’uomo che era alla guida, Dorjan Andoni albanese di 30 anni clandestino, però era morto a causa delle ferite riportate, mentre un marocchino anche lui 30enne era stato trasportato all’ospedale di Torrette. Due italiani erano invece riusciti ad uscire da soli dal mezzo e sembra che con loro ci fosse anche un quinto uomo, anche lui albanese, scappato prima dell’arrivo dei carabinieri. Il mezzo era diretto a Jesi. Dopo l’incidente il proprietario dell’autocarro aveva denunciato il furto del proprio mezzo. 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA