Sirolo, veleni sul concorso dei vigili. L’ex sindaco: «Atto illegittimo, c’è già una graduatoria». La replica: «E' ancora valida»

Martedì 16 Giugno 2020
Controlli dei vigili urbani
SIROLO - Scambio di veleni sul nuovo concorso per l’assunzione a tempo determinato di operatori di Polizia Locale nel Comune di Sirolo. «Un atto illegittimo», tuona l’ex sindaco Pino Misiti che il 10 giugno ha protocollato un’interrogazione da discutere nel prossimo Consiglio ed ora annuncia eventuali ulteriori azioni. L’avviso di selezione pubblica per la formazione di una graduatoria di merito con validità biennale per esigenze stagionali è stato pubblicato nelle scorse settimane sul sito del Comune dove operano in pianta stabile soltanto quattro agenti, insufficienti a soddisfare turni ed esigenze di una località turistica che si estende dal Conero alle spiagge e d’estate vede moltiplicare presenze ed attività suppletive sull’intero territorio comunale. Motivo per il quale, nei mesi di maggior lavoro, il personale fisso viene sempre affiancato da operatori con contratto a termine. 
 Accuse respinte dal sindaco Filippo Moschella che ribatte: «Se Misiti si fosse degnato di presentare una richiesta di accesso agli atti avrebbe appreso che la vecchia graduatoria è ancora valida».  © RIPRODUZIONE RISERVATA