Sui social la cartolina della discordia: «Sirolo come Corleone». Il sindaco sporge querela per diffamazione

La piazzetta di Sirolo
La piazzetta di Sirolo
di Arianna Carini
3 Minuti di Lettura
Venerdì 11 Marzo 2022, 06:10

SIROLO - Il Comune sporge querela per diffamazione sui social. Un atto formale nei confronti di ignoti. Oggetto della contestazione una “cartolina” pubblicata su Facebook che accosta l’immagine della piazza di Sirolo a Corleone. Ovvero il Comune dell’entroterra della provincia di Palermo conosciuto per le sue gole e cascate, per le numerose chiese e l’architettura barocca, ma anche per aver dato i natali ad uno dei più influenti clan di Cosa nostra. 

 


Non l’ha presa bene il sindaco Filippo Moschella, sirolese di adozione ma siciliano d’origine. Per sgomberare il campo da fraintendimenti, anche se il post è stato rimosso poco dopo la sua condivisione, ha deciso di affidare tutta la documentazione alle forze di polizia e darne comunicazione alla cittadinanza. «Nella mattinata odierna il Comune di Sirolo ha presentato una querela contro ignoti – ha reso noto ieri Moschella - perché venerdì scorso nel gruppo Facebook “Sirolo Agorà Civica”, molto seguito nel comprensorio, cui partecipano oltre 800 profili, è apparsa una foto raffigurante l’inconfondibile centro storico di Sirolo visto dall’alto con la riviera del Conero alle sue spalle, riportante la scritta “saluti da Corleone”, bellissima cittadina siciliana diventata tristemente nota dal secondo dopoguerra per aver dato i natali ad alcuni banditi e mafiosi, i quali si sono resi protagonisti di episodi di cronaca nera». L’abbinamento della foto di Sirolo al nome della cittadina siciliana è stato interpretato come un chiaro ed intenzionale riferimento al sindaco «poiché - prosegue la nota - è notorio a tutti che ha origini siciliane, dato che risiede nella cittadina da quasi trent’anni, e all’azione politica della giunta comunale».

La querelle, però, non riguarderebbe soltanto il primo cittadino ed il suo esecutivo, direttamente coinvolti dall’associazione di immagini, nomi, ruoli fiduciari ed informazioni di pubblico dominio. Per il Comune rivierasco, infatti, «sussiste anche un danno all’immagine di Sirolo». Un pregiudizio, che ora spetterà alla legge appurare, «causato dalla pubblicazione e diffusione del post» in considerazione della «idoneità di Facebook di determinare un’ampia possibilità di circolazione del commento tra un gruppo di persone aperto e indeterminato, così come stabilito anche da una sentenza della Corte di Cassazione». Da qui la decisione, ieri, dopo un confronto sulle motivazioni con la giunta, di ricorrere alle vie legali al fine di risalire all’autore del post e valutare eventuali altre azioni. 


Alla denuncia è stato allegato anche lo screenshoot, ovvero la fotografia dello schermo non divulgata altrove per esigenze connesse al segreto istruttorio, della pagina virtuale dove è apparsa l’immagine contestata con i relativi commenti in calce. «Sono molto dispiaciuto per la pubblicazione del post, anche se è stato rimosso dopo poche ore dalla pubblicazione - afferma il sindaco di Sirolo Filippo Moschella – perché l’amministrazione sta lavorando per il benessere e a tutela di tutti i sirolesi». 

© RIPRODUZIONE RISERVATA