Via Torino, ladri in azione: i proprietari sono fuori, messi a segno due colpi in due appartamenti diversi

Giovedì 26 Maggio 2022
Via Torino, ladri in azione: i proprietari sono fuori, messi a segno due colpi in due appartamenti diversi

SENIGALLIA  - Doppio colpo in casa dei ladri ieri mattina in due abitazioni di via Torino. Dopo una settimana di furti, in parte falliti, nella zona nord della città, questa volta i topi d’appartamento hanno cambiato quartiere dirigendosi verso il Portone e l’ex piano regolatore, dalla parte opposta della città. Approfittando dell’assenza dei proprietari, che probabilmente hanno visto uscire, si sono introdotti nelle due case mettendo tutto a soqquadro. Le vittime si sono riservate di riferire ciò che manca nel momento di sporgere denuncia.

 

Le case erano talmente nel caos che dovranno sistemare tutto e controllare bene. I cittadini hanno concentrato l’attenzione verso alcune persone viste distribuire dei volantini e fare al tempo stesso delle fotografie alle case, come se fossero eventuali informatori dei ladri. Tutti gli episodi finora avvenuti sembrano in qualche modo collegati anche se il modus operandi non è sempre lo stesso. A volte hanno approfittato di finestre lasciate aperte, perché è capitato anche questo, altre volte le hanno rotte forzandole con cacciaviti o piedi di porco. In alcune circostanze si sono accontentati del piano terra, in altri episodi invece si sono arrampicati con una grande abilità fino al balcone del secondo piano, come accaduto in una casa alla Cesanella, salvo poi saltare senza farsi male quando i proprietari li hanno sorpresi. In più occasioni sono stati visti due ragazzi in scooter allontanarsi dalle case visitate.

La vittima di un furto ha scritto anche al sindaco Massimo Olivetti ieri perché queste continue razzie stanno angosciando i cittadini. C’è chi addirittura sta rimandando le commissioni che dovrebbe fare per non lasciare la casa incustodita e chi fa i turni con i vicini per controllarle a vicenda. C’è una psicosi generata in città per i furti a cui la pandemia non aveva più abituato e che invece sono tornati insieme alla tanto desiderata normalità di cui, purtroppo, fanno parte.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA