Zuffa choc sul lungomare per un litigio tra due 20enni, cento ragazzi in fuga

Lunedì 3 Maggio 2021 di Sabrina Marinelli
L'intervento di carabinieri e Croce Rossa sul lungomare di Senigallia

SENIGALLIA - Due 20enni di Chiaravalle e Fabriano si affrontano sul lungomare Alighieri, gli amici intervengono per fermarli e difenderli. E’ accaduto sabato in pieno giorno poco distante dalla Rotonda.

A Domenica Live il ricordo di Lamberto Sposini. Cesara Buonamici: «Ci manca molto lui e la sua Amatriciana»

Domenica in, Ambra Angiolini rivela: «Renga? La famiglia resta. Mara, puoi dirlo che non sono una da una botta e via»

 

Operatori e passanti hanno contato un centinaio di ragazzi azzuffarsi e subito hanno lanciato l’allarme, segnalando la maxi rissa. Il gruppo, formato da giovani di Chiaravalle, Fabriano e Jesi, si è poi spostato in via Lazio, traversa del lungomare. 


L’intervento
Qui sono arrivati carabinieri con due pattuglie e un’ambulanza della Croce rossa italiana. Numerosi ragazzi si sono messi a correre, dileguandosi. I militari hanno identificato i presenti e in particolare i due litiganti che erano molto agitati, soprattutto uno. Si trattava di due ventenni, uno residente a Chiaravalle e l’altro a Fabriano. Il primo era fuori di sé e non c’era modo di placarlo. E’ stato necessario l’intervento dei sanitari che l’hanno scortato in ospedale. Qui però, una volta calmato, ha deciso di andarsene senza farsi visitare. E’ stato sanzionato dai carabinieri perché non indossava la mascherina e per ubriachezza molesta. Secondo i presenti avrebbe aggredito il coetaneo di Fabriano senza alcun motivo e quest’ultimo avrebbe reagito per difendersi. 


La preoccupazione
I passanti hanno notato solo delle occhiate e qualche parola volata prima della zuffa e nemmeno i militari hanno riscontrato un motivo alla base del litigio. Hanno archiviato il caso per futili motivi. L’alcol sarebbe la causa scatenante e forse qualche sguardo non gradito, considerato di sfida, avrebbe fatto il resto. Ciò che ha preoccupato gli operatori è il fatto che sia accaduto alle 19, di giorno. 


La gente che era sul lungomare, in procinto di tornare a casa, e quella che stava arrivando per cena o aperitivo, si è comprensibilmente spaventata parecchio nel notare tanti ragazzi agitati azzuffarsi. 
Il tempismo di militari dell’Arma ha evitato il peggio, riportando la calma. E’ la prima zuffa di stagione sulla spiaggia di velluto, iniziata proprio sabato primo maggio per la riviera che ha fatto il pieno di gente, soprattutto tanti ragazzi dalle zone di Jesi, Fabriano e Chiaravalle.

Ultimo aggiornamento: 15:23 © RIPRODUZIONE RISERVATA