I familiari gli portano il pranzo e lo trovano morto. Addio Davide, era un grande tifoso di calcio

Giovedì 18 Marzo 2021 di Sabrina Marinelli
Davide Donnini aveva 54 anni

SENIGALLIA - Trovato morto in casa ieri mattina Davide Donnini. Il 54enne, che aveva lavorato come guardia notturna presso alcuni stabilimenti balneari della riviera, si è sentito male nella propria abitazione. 

LEGGI ANCHE:

Addio a Marcello e Stefano, padre e figlio uccisi dal virus nel giro di quindici giorni. Avevano 87 e 62 anni

 
Da qualche tempo non si vedeva in giro ma gli amici non c’avevano fatto caso. Era meno attivo anche sui social, dove aveva aperto alcuni profili, tutti a suo nome, e dove era solito commentare le partite di calcio. Soprattutto dell’Inter di cui era un grande tifoso. Lo era anche della Vigor. Era sempre presente allo stadio, quando si poteva partecipare. Non mancava mai. Pronto a dare sostegno alla sua squadra. Un tifoso appassionato ma al tempo stesso pacato.

A darne notizia ieri pomeriggio sui social è stato l’amministratore del gruppo Facebook “Luciano Rossini a tutta Vigor rossoblù”. «Aveva solo 54 anni! Rip. Tragica scoperta stamattina (ieri, ndr). Purtroppo è venuto a mancare Davide Donnini, un tifoso della Vigor. Tutti gli iscritti al gruppo si stringono al dolore dei suoi famigliari». La scoperta è avvenuta nella tarda mattinata e subito la notizia ha fatto il giro della città. Davide Donnini aveva lavorato saltuariamente come guardia notturna presso degli stabilimenti balneari.

Era una persona che viveva molto la città, gli piaceva andare in giro e di vista quasi tutti i senigalliesi lo ricorderanno. Sul Corso 2 Giugno si fermava spesso a parlare con gli amici all’altezza dell’edicola di via Arsilli. Era ormai un punto di ritrovo. D’estate invece era uno dei “ragazzi” del muretto, sempre seduto vicino al bar Florida. Gli amici non lo vedevano da un po’ di tempo ma con la zona rossa che ha obbligato tutti in casa la sua assenza non aveva destato particolari preoccupazioni.

«Ho appreso la notizia da un familiare - racconta un caro amico - abitava solo e gli portavano da mangiare a casa. Non so se perché stesse male o se per precauzione preferisse non uscire per fare la spesa. All’ora di pranzo l’hanno trovato senza vita. Una grande tragedia». I sanitari del 118, subito chiamati, non hanno potuto fare altro che constatarne il decesso. La salma è stata trasferita all’obitorio. Pur essendo morto per cause naturali, probabilmente un infarto, potrebbe essere sottoposto all’autopsia.

Ultimo aggiornamento: 09:46 © RIPRODUZIONE RISERVATA