Maxi-condominio nell'area del campo di concentramento, ruspe al lavoro nelle ex colonie Enel sul lungomare

Venerdì 26 Novembre 2021 di Sabrina Marinelli
Le ruspe al lavoro nell'area della ex colonia dove fu realizzato un campo di concentramento

SENIGALLIA - Dopo quasi vent’anni di attesa e polemiche sono partiti i lavori nelle ex Colonie Enel sul lungomare Da Vinci al Ciarnin. Le ruspe sono arrivate insieme ad un’imponente gru per riqualificare un’area che dall’inizio del nuovo millennio è stata al centro del dibattito politico. Un progetto urbanistico che nasce dal 2003, quando venne acquistata per dare un futuro ad un edificio fatiscente, che negli anni ha subito ripetute e lunghe pause.

  
Il dibattito
Nel 2009 un acceso scontro politico si era scatenato per fermare la demolizione di un luogo della memoria. Dal dicembre 1943 al giugno 1944 l’edificio ha ospitato un campo di concentramento. Molti ebrei della provincia hanno atteso qui il trasferimento nel grande campo di Fossoli in Emilia Romagna da cui poi hanno raggiunto la Germania. Era stata chiamata in causa in quell’anno anche la Soprintendenza dall’allora opposizione al governo cittadino ma, come noto, lo stabile venne abbattuto.

Terminata la bonifica bellica mercoledì sono ufficialmente iniziati i lavori. L’area ha cambiato nel frattempo proprietà, si sono alternate diverse varianti, di mezzo c’è stata la crisi economica che ha messo in ginocchio il settore edilizio, poi il Covid che ha dilatato i tempi. Tutti ostacoli superati perché adesso si lavora. L’intervento in questa fase riguarderà la parte residenziale. E’ previsto dal progetto anche un albergo di lusso che, al momento, non verrà realizzato.

E’ al vaglio la possibilità di convertire la quota turistico ricettiva in residence per le vacanze. Il complesso residenziale è costituito da due edifici principali e dal parcheggio coperto sul lato posteriore. Entrambi gli edifici residenziali avranno sei piani e ospiteranno complessivamente 28 appartamenti mentre il piano terra sarà riservato ai servizi del condominio.

Saranno presenti anche un bar e un ristorante. Un grande intervento di riqualificazione per il quartiere dove proprio mercoledì sera il sindaco Massimo Olivetti e la Giunta hanno incontrato i residenti e il comitato che era nato in seguito all’introduzione del senso unico sul lungomare Da Vinci.

Grazie ad un finanziamento regionale verrà ripristinato in un tratto il doppio senso. Una riqualificazione importante avverrà nel lungomare Da Vinci, a ridosso dell’ex Colonie Enel, da parte del privato che ha avviato l’intervento edilizio. La società Iniziative Turistiche, che fa capo all’imprenditore senigalliese Giulio Benni, avrà tre anni di tempo per ultimare i lavori nelle ex Colonie Enel che prevedono anche il rifacimento del sottopasso di via Grosseto, che diventerà ciclopedonale e non carrabile come previsto inizialmente, e una nuova strada di fianco alla ferrovia nel solo tratto interessato dal comparto. 
La passeggiata
Verrà inoltre ceduta un’area verde al Comune di 3500 metri quadri, rifatto il muretto para-sabbia, disposta una nuova illuminazione con due marciapiedi. Oltre a quello lato mare, che sarà riqualificato e diventerà più largo, ce ne sarà uno lato monte. La passeggiata del lungomare verrà realizzata con una pavimentazione in pietra d’Istria e sarà presente una vegetazione ad alto fusto per il giusto ombreggiamento.
Sabrina Marinelli 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

© RIPRODUZIONE RISERVATA