Derubati delle catenine in discoteca: l’incubo della Lanterna Azzurra, scattano 3 denunce

Derubati delle catenine in discoteca: l incubo della Lanterna Azzurra, scattano 3 denunce
Derubati delle catenine in discoteca: l’incubo della Lanterna Azzurra, scattano 3 denunce
di Sabrina Marinelli
3 Minuti di Lettura
Giovedì 9 Giugno 2022, 04:05 - Ultimo aggiornamento: 15:39

SENIGALLIA -  Tre giovani hanno denunciato ai carabinieri il furto con strappo della catenina mentre ballavano nella pista del Mamamia. Gli episodi, su cui i militari faranno chiarezza, risalgono alla serata di sabato scorso. Le vittime hanno sentito che qualcuno gli strappava la catenina d’oro senza riuscire a vedere chi fosse. C’era tanta gente. Non si conoscono tra loro ma hanno fornito versioni molto simili. Sono residenti rispettivamente ad Ancona, Chiaravalle e Fabriano. Queste le denunce trasmesse ieri alla Compagnia di Senigallia. 

Si contendono una ragazza in discoteca, poi si rivedono in spiaggia: scatta la rissa, un giovane colpito da una bottigliata alla testa


Nel pomeriggio in Questura si è tenuta una riunione sulla discoteca di Cesano, programmata prima dei fatti. Il Questore, infatti, grazie anche alla proficua collaborazione con la proprietà, ha previsto incontri periodici alla luce delle serate in programma che, finora, non hanno dato alcun problema. Al vertice di ieri hanno preso parte il capitano dei carabinieri Francesca Romana Ruberto, il dirigente del Commissariato Agostino Maurizio Licari e per il Comune il comandante della polizia locale Barbara Assanti. 

Se sul versante della sicurezza non sono emerse criticità, indigna tutti, invece, il fatto che ci siano ancora ladri senza scrupoli, in azione anche dopo i tragici fatti di Corinaldo. È presto però per parlare di una banda organizzata. Le indagini sono ancora in fase preliminare. I militari hanno ascoltato i racconti sul posto la sera stessa durante i controlli antidroga. Il fatto che non sembra sia accaduto a una sola persona fa ritenere che qualche malintenzionato si sia finto cliente per poi mettere a segno i furti. La discoteca, però, invita a essere cauti. 

«Prima cosa non condividiamo questo allarmismo ingiustificato - dichiara la direzione del Mamamia - nella stagione estiva il locale è frequentato da migliaia di ragazzi e parliamo di casi assolutamente isolati e comunque da verificare. La differenza tra “ho smarrito qualcosa” e “me l’hanno rubata” a volta è molto labile e soprattutto opinabile. Il Mamamia è un’eccellenza del territorio e vanto di una località turistica come Senigallia».

E ancora: «Il locale è gestito nella massima professionalità, con un servizio d’ordine numerosissimo ed eccellente, con telecamere ovunque e in strettissima collaborazione con le forze dell’ordine che sono sempre presenti negli eventi programmati, tra cui concerti di rilevanza nazionale. Lavoriamo sodo quotidianamente per offrire un divertimento sicuro e di alta qualità sia all’interno che all’esterno del locale». Su quanto denunciato dai tre giovani non ha alcuna responsabilità la discoteca che, sotto il profilo della sicurezza, è molto seria, come più volte riscontrato dalle forze dell’ordine. Il Mamamia è stato inoltre il primo a schierarsi al fianco del Cogeu, ospitando i giovani costituitisi in comitato dopo la strage della Lanterna Azzurra, per sostenere la battaglia per un divertimento sicuro.

© RIPRODUZIONE RISERVATA