Movida alcolica a Senigallia: soccorsi un 18enne svenuto e un minore sull'orlo del coma etilico

Movida alcolica a Senigallia: soccorsi un 18enne svenuto e un minore sull'orlo del coma etilico
Movida alcolica a Senigallia: soccorsi un 18enne svenuto e un minore sull'orlo del coma etilico
3 Minuti di Lettura
Martedì 9 Agosto 2022, 10:54

SENIGALLIA - Un sedicenne al limite del coma etilico soccorso nel weekend dai sanitari del 118, insieme ad un altro ragazzo maggiorenne che ugualmente aveva esagerato con l’alcol. Interventi svolti nella notte tra sabato e domenica nella zona del lungomare. Il minorenne era semicosciente mentre il maggiorenne per qualche minuto era proprio svenuto.

Ancona, litigio per un sorpasso: ragazza terrorizzata si barrica in auto

L’ambulanza è arrivata a sirene spiegate per entrambi. Sono stati poi condotti al Pronto soccorso dove sono rimasti in osservazione alcune ore. Per il 16enne sono stati chiamati i genitori come prevede la prassi in questi casi. Un altro minorenne è stato raggiunto da un’ambulanza del 118 sabato sera dopo essere rimasto ferito in un incidente stradale, avvenuto alle porte del centro storico. Il ragazzino era in sella al proprio scooter quando si è scontrato con una macchina. Ad avere la peggio è stato proprio lui, trasportato al Pronto soccorso per un ematoma inguinale. Dopo i primi accertamenti svolti nel reparto di emergenza, è stato trasferito in Pediatria dove si trova in osservazione in attesa che l’ematoma finisca di riassorbirsi del tutto. Anche nel suo caso sono stati chiamati i genitori. Verso mezzanotte sul lungomare Alighieri il 118 è intervenuto a sirene spiegate insieme alla Volante della polizia, con i lampeggianti accesi, per una ragazza trovata stesa a terra. 

Si è poi appreso che si era sentita male. La serata caotica era iniziata con l’investimento di una 68enne in bicicletta, travolta dal trenino turistico in via Bruno. Per la viabilità rivoluzionata a causa del Summer Jamboree anche il percorso del trenino era stato stravolto. La donna è stata trasferita all’ospedale di Torrette, a seguito di un sanguinamento al bacino dopo che si trovava al Pronto soccorso. Non è in pericolo di vita e alla polizia stradale, intervenuta per i rilievi, è stata comunicata ieri una prognosi di 30 giorni anche se la ciclista si trova ancora ricoverata. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA