Trovato alla guida sotto l’effetto di stupefacenti: la Polizia denuncia l’uomo che rifiuta gli accertamenti clinici

Martedì 29 Dicembre 2020
Trovato alla guida sotto l effetto di stupefacenti: la Polizia denuncia l uomo che rifiuta gli accertamenti clinici

SENIGALLIA - Nel corso degli intensificati servizi di controllo in occasione del periodo festivo anche al fine di verificare l’osservanza delle misura anti covid, personale della Squadra Volanti del Commissariato di P.S. di Senigallia veniva inviato in zona prossima a piazza Saffi per una segnalazione di persona che, trovandosi a bordo di autovettura, ancora accesa e posizionata a centro strada, era in forte stato di agitazione.

Gli agenti, giunti sul posto, trovavano l’uomo oggetto della segnalazione che effettivamente si trovava seduto sul lato guida di un’autovettura di piccola cilindrata fermo in mezzo alla strada con il motore acceso.

La persona, M.C., senigalliese, di anni 36, che risultava essere un soggetto già noto ai poliziotti poiché assuntore di sostanze stupefacenti, veniva trovata impegnata in un’accesa conversazione telefonica ed in forte stato di agitazione.

Gli agenti innanzitutto cercavano di tranquillizzare l’uomo -che aveva creato tra l’altro anche un po’ di confusione tra i passanti lì presenti- e questi riferiva di essere molto confuso ed agitato poiché affermava di esser stato vittima di un furto di denaro.

L’uomo nel frattempo tentava di scendere dall’auto con non poca difficoltà, manifestando chiari sintomi da assunzione di sostanze stupefacenti. Gli agenti del Commissariato di P.S., alla luce del comportamento agitato e dei sintomi manifestati, facevano intervenire anche personale medico.

Considerato che l’uomo veniva trovato in evidente stato di alterazione psicofisica dovuto alla probabile assunzione di sostanze stupefacenti mentre era alla guida dell’autovettura e verificato che lo stesso si rifiutava di essere sottoposto agli accertamenti previsti dal codice della strada per verificare la presenza di sostanze stupefacenti, i poliziotti procedevano ad indagarlo per il reato di rifiuto di sottoporsi accertamenti clinici diretti a verificare l'assunzione di sostanze stupefacenti

Stante l’impossibilità a proseguire alla guida del veicolo, l’auto veniva affidata ad un parente e gli agenti inoltre procedevano contestualmente al ritiro della patente di guida cui farà seguito la sospensione da parte della Prefettura.

© RIPRODUZIONE RISERVATA