Senigallia, i tentacoli della 'ndrangheta
sul giro di usura: chieste 14 condanne

Venerdì 21 Settembre 2018
Senigallia, i tentacoli della 'ndrangheta sul giro di usura: chieste 14 condanne

SENIGALLIA - Quattordici richieste di condanna e un’assoluzione. Sono questi i termini della requisitoria del pm Rosario Lioniello che ieri mattina ha aperto la discussione sul processo derivato dall’operazione Aspromonte coordinata dalla Guardia di Finanza, capace di smantellare un sodalizio criminale in odore di ‘ndrangheta dedito all’usura e alla costituzione di piccole società impiegate per la compravendita fittizia di beni immobili e per compiere trasferimenti fraudolenti di denaro.
Dietro l’organizzazione, per la procura, ci sarebbe stato il calabrese Giuseppe Ioppolo, 50enne residente a San Costanzo e relegato in carcere per altri motivi. Per lui, il pm ha chiesto sei anni di reclusione. Stessa richiesta per Michele e Salvatore Auddino. Quest’ultimo, concittadino di Ioppolo, viene ritenuto affiliato alla cosca dell’‘ndrangheta denominata Franconieri.

© RIPRODUZIONE RISERVATA