Ha salvato la figlia ma è morta nella strage della discoteca. Oggi Eleonora avrebbe compiuto gli anni, un “party” online

Venerdì 13 Novembre 2020 di Sabrina Marinelli
Eleonora Girolimini, la mamma morta dopo aver salvato la figlia nella strage della discoteca Lanterna Azzurra a Corinaldo

SENIGALLIA Un evento online, su invito, è in programma oggi alle 17.30 per celebrare il 41esimo compleanno di Eleonora Girolimini, la mamma coraggio che ha perso la vita alla Lanterna Azzurra per salvare la figlia Gemma, facendole da scudo con il proprio corpo. Aveva 39 anni quando si è consumata la tragedia e ogni anno la famiglia vuole ricordarla nel giorno del suo compleanno. Nel 2019 si era tenuta all’Auditorium San Rocco un’iniziativa.

LEGGI ANCHE: Strage di Corinaldo, la motivazione delle condanne alla banda dello spray: «Criminali seriali e senza scrupoli»

 

«Quest’anno per via delle norme anticovid ci siamo dovuti organizzare diversamente – racconta il marito Paolo Curi – ma qualcosa abbiamo voluto fare lo stesso perché per noi il 13 novembre resta comunque un giorno di festa, un giorno che le vogliamo dedicare. I nostri figli hanno preparato un cartellone e dei disegni per lei. Il giorno del lutto per noi è l’8 dicembre». 
Negli ultimi mesi Gemma, che quella maledetta notte era insieme alla mamma, ha realizzato diversi video dove si alternano le immagini dei ricordi più belli con quelle attuali. «Gemma è molto tecnologica – commenta Paolo Curi che aggiunge – domani (oggi ndr) ricorderemo Eleonora in un evento organizzato su una piattaforma dove può accedere un numero limitato di persone». Essendo a numero chiuso, non per volontà degli organizzatori, i partecipanti alla “festa” virtuale hanno ricevuto un invito. 


Sarà molto digitale anche l’evento dell’8 dicembre che, sempre nel rispetto delle norme anticovid, non potrà riempire piazza e teatro come lo scorso anno. La messa ci sarà se non arriveranno ulteriori restrizioni. «L’8 per il futuro 2018-2020 avrà una veste completamente diversa da quella dello scorso anno», annuncia l’associazione dei genitori Cogeu, che si occupa dell’organizzazione, nella sua pagina Facebook informando anche che - in collaborazione con Amat e con Univpm Università Politecnica delle Marche si sta concretizzando il progetto di donare sei premi di laurea. «Saranno premiate sei tesi dedicate a tematiche riguardanti il divertimento in sicurezza. È per noi un onore avere la possibilità di premiare sei ragazzi meritevoli, in onore di Asia, Daniele, Benedetta, Mattia, Emma ed Eleonora».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

© RIPRODUZIONE RISERVATA