Paga con i soldi falsi ma il negoziante la insegue e la filma con il cellulare. Ma lei riesce a fuggire e ritenta con un altro

Venerdì 14 Agosto 2020 di Sabrina Marinelli
Paga con i soldi falsi ma il negoziante la insegue e la filma con il cellulare. Ma lei riesce a fuggire e ritenta con un altro
SENIGALLIA - Parapiglia al mercatino “Chi cerca trova” sotto i Portici Ercolani mercoledì pomeriggio, dove un operatore ha inseguito una donna che gli aveva rifilato una banconota falsa da 100 euro. E’ riuscita però a scappare, salendo in fretta nella macchina della complice che la stava aspettando in fondo al Corso. «Ha acquistato alcuni prodotti – spiega Roberto Chiostergi, che vende cosmetici naturali – ha speso 15 euro e mi ha mostrato 100 euro, dicendo che andava di fretta. Le ho dato il resto e ho preso la banconota ma, toccandola, mi sono accorto subito che erano soldi falsi. A quel punto l’ho inseguita». 


 
La donna nel frattempo era andata in un negozio di via Gherardi, dove aveva preso due bottiglie e stava pagando con altri 100 euro, probabilmente falsi anche quelli. «Appena mi ha visto è scappata ma almeno non è riuscita a truffare il commerciante – prosegue Chiostergi –, nel frattempo l’ho filmata però lei si è accorta, mi ha strappato il telefono dalle mani, poi in fondo al Corso c’era una macchina ferma con un’altra donna a bordo, è salita e sono fuggite. Il video non sono riuscito a salvarlo ma le telecamere del bar dei Portici hanno ripreso la complice in macchina». 
Sull’accaduto indagano i carabinieri. «Ci tenevo ad avvisare tutti i colleghi perché già nei giorni scorsi altri si sono ritrovati con banconote false – conclude Roberto Chiostergi – quindi penso che spargendo la voce sia possibile mettere in guardia tutti. Erano italiane, almeno quella che ha acquistato da me. Aveva un accento del sud, sembrava pugliese ma sicuramente italiana». Nei giorni scorsi ad una commerciante una donna ha rubato 120 euro di incasso, portandole via i soldi da dentro il borsello che aveva dietro il bancone sempre in centro storico. Anche nel caso dell’ambulante dei Portici Ercolani 85 euro sono andati perduti. Già i tempi sono duri per i commercianti che devono fare i conti anche con le truffatrici, sempre donne finora.

© RIPRODUZIONE RISERVATA © RIPRODUZIONE RISERVATA