Scatta la multa per l’assicurazione scaduta: auto in sosta ma il proprietario è morto da 4 mesi

Scatta la multa per l’assicurazione scaduta: auto in sosta ma il proprietario è morto da 4 mesi
3 Minuti di Lettura
Domenica 14 Marzo 2021, 07:10

SENIGALLIA -  Assicurazione scaduta nell’auto in sosta a Senigallia dell’avvocato Stefano Drago, multato dalla polizia stradale di Ancona quando era già morto. Non aveva avuto modo di rinnovarla ed era rimasta parcheggiata ma gli agenti non potevano sapere lo scorso 31 ottobre 2020, quando hanno effettuato il controllo, che il proprietario del veicolo trovato senza la regolare assicurazione, fosse deceduto. Era morto quattro mesi prima, il 27 giugno.

La macchina è stata presa in custodia presso un deposito giudiziario, dove è rimasta sequestrata in attesa che il proprietario provvedesse a pagare il deposito e rinnovare l’assicurazione per rimetterla sulla strada ma così non è accaduto, essendo deceduto. 


Il noto penalista è morto la scorsa estate a soli 56 anni in ospedale. Tramite un decreto pubblicato venerdì all’albo pretorio del Comune di Senigallia, la Prefettura di Ancona ha provveduto a disporre il dissequestro annullando il verbale. «Alla morte dell’obbligato si estingue ogni procedura in corso – riporta il decreto prefettizio firmato dal viceprefetto - quindi l’obbligazione di pagare la somma dovuta per la violazione va dichiarata estinta nei suoi confronti. L’obbligazione di pagamento a titolo di sanzione amministrativa pecuniaria non si trasmette agli eredi». E’ stato così disposto il dissequestro del mezzo per la restituzione del veicolo ai parenti diretti. «Gli eredi legittimi hanno depositato formale atto di rinuncia alla eredità» riporta il decreto che spiega poi che, nell’impossibilità per l’ufficio di verificare l’esistenza di eventuali eredi entro il sesto grado, proprio per darne massima diffusione hanno deciso di procedere all’affissione all’albo del Comune di Senigallia, come ultima residenza del proprietario del mezzo. 


Verrà consegnato ad eventuali eredi che dovessero presentarsi, previo il pagamento delle spese di recupero e custodia, e dell’esibizione della copertura assicurativa qualora il veicolo venga posto in circolazione e della regolarizzazione della proprietà del veicolo, tramite il passaggio. Se entro tre mesi dalla data di notifica del provvedimento il veicolo non verrà reclamato, sarà distrutto. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA