«Rompono i muri per mettere la fibra ottica». Scoppia l’ira dei condomini contro gli operai

Martedì 20 Aprile 2021
«Rompono i muri per mettere la fibra ottica». Scoppia l ira dei condomini contro gli operai

SENIGALLIA  - Caos in diversi condomini dove sono dovuti intervenire i carabinieri. Chiamati anche i vigili urbani e lamentele sono arrivate in Comune. È successo in via Montegrappa, in via Frescobaldi e in altri edifici limitrofi. Degli operai sono entrati e hanno rotto parti di muro per allestire la fibra ottica. Hanno riferito di lavorare per una ditta incaricata da una compagnia telefonica.

LEGGI ANCHE:

Il centro è vivo, dalla boutique al laboratorio artigianale: in tre mesi aperti 32 nuovi negozi in città

 

 

In un condominio i residenti hanno anche girato un video mentre gli operai lavorano rompendo il muro. Hanno chiamato l’amministratore di condominio che non ne sapeva nulla e hanno chiamato anche la compagnia in questione. Nemmeno l’operatore era a conoscenza di centraline che andavano allestite all’interno degli edifici. L’amministratore di condominio ha inoltre predisposto dei fogli da attaccare sul portone per informare i residenti. «Si avvisano i gentili condomini che la ditta in questione non ha avuto alcuna autorizzazione da questa amministrazione per poter accedere alle proprietà condominiali. Si consiglia dunque di non aprire ai suddetti signori, i quali utilizzano eventuale possibilità di entrare come autorizzazione di un condomino».

Questo il testo dell’avviso. In realtà, da verifiche effettuare dai carabinieri, è emerso che gli operai erano davvero incaricati di effettuare l’allaccio della fibra ottica. Avevano anche dei documenti che lo attestavano. Evidentemente è mancata però la giusta comunicazione, visto che nessuno era a conoscenza del loro arrivo. Non si trattava di truffatori come qualche residente temeva. In alcuni palazzi sono stati cacciati, dovendo interrompere anche i lavori a metà. Per i residenti, pur essendo operai onesti, non dovevano montare le centraline dentro i palazzi.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA