Due gruppi jesini litigano al ristorante a Senigallia, il titolare chiama la polizia

Lunedì 3 Maggio 2021 di Sabrina Marinelli
I controlli della polizia a Senigallia

SENIGALLIA - Diverbio tra due gruppi di jesini al ristorante e i gestori chiamano la polizia. È accaduto nel primo pomeriggio di sabato in un locale del lungomare Da Vinci al Ciarnin. I due gruppi si conoscevano ma erano andati a mangiare in ristoranti diversi.

Ciclista cade in una zona impervia: recuperato da vigili del fuoco, Soccorso alpino e 118

Droga a scuola, blitz dei carabinieri: hashish e marijuana nascosti nel sifone di un lavandino

 

Dopo pranzo, alcuni ragazzi hanno raggiunto i concittadini nel ristorante dove è scaturito il diverbio verbale, creando confusione. Gli altri clienti presenti nella veranda si stavano spazientendo così, per evitare di incappare in una multa, prima che altri chiamassero la polizia, ci hanno pensato direttamente i gestori del ristorante, al cui interno si era creato un assembramento.


Il caos
Gli intrusi, infatti, nonostante fossero stati invitati ad allontanarsi, non sembravano voler collaborare. Consapevoli del rischio di incappare in una salata multa con successiva chiusura per 5 giorni, si sono fatti avanti. Hanno chiamato il Commissariato spiegando quello che stava accadendo e precisando che non erano in grado di farsi rispettare. Due volanti si sono così recate sul posto. All’arrivo della polizia gli intrusi sono usciti, ma sono stati fermati e identificati. Erano tutti giovani jesini, maggiorenni. Sono stati diffidati dal rientrare dai poliziotti che hanno poi atteso che si allontanassero prima di andare via, per evitare che entrassero di nuovo creando scompiglio. Nessuno è stato sanzionato, nemmeno i gestori del ristorante che avevano chiesto aiuto per una situazione che non riuscivano a gestire. 


I vandali 
La pioggia, arrivata nel primo pomeriggio, non ha fermato i pranzi al mare, molti in spiaggia, nel primo giorno di riapertura degli stabilimenti o nelle verande. Molti hanno anche mangiato nei parchi dove è stato registrato qualche atto vandalico. Ieri al Ciarnin mancava anche un tavolo, probabilmente rimosso dal Comune. I residenti avevano segnalato la presenza di adolescenti intenti a sputarci sopra, ma gli amministratori stanno verificando l’accaduto. Al parco del Molinello al Vivere Verde è stato divelto un cestino dei rifiuti. Non si registrano invece atti vandalici negli stabilimenti balneari nel ponte del 1° maggio, nonostante ci fosse molta preoccupazione alla vigilia. Il problema, che già si era manifestato ai danni di uno stabilimento, era stato al centro di un incontro tra Confartigianato e Comune nei giorni precedenti. I controlli delle forze dell’ordine hanno permesso di tutelare la spiaggia durante il coprifuoco.

Di giorno, con la ripresa delle attività, nessun vandalo ha avuto accesso nella struttura, anche se molti ragazzi ubriachi sono stati notati in giro sul lungomare. Già dallo scorso weekend i bagnini hanno notato la presenza di giovani che girano per la riviera con bottiglie di alcolici al seguito e bevono in pieno giorno, come è accaduto nell’ultimo weekend dove non si sono per fortuna registrati soccorsi per coma etilici, come era capitato invece nel fine settimana precedente. I controlli proseguiranno nel ponte di San Paolino, patrono di Senigallia, che si celebra domani.

© RIPRODUZIONE RISERVATA