Centro ostaggio dei giovani ubriachi: i residenti si "difendono" a secchiate d'acqua dalle finestre

Giovedì 17 Marzo 2022 di Bianca Vichi
Centro ostaggio dei giovani ubriachi: i residenti si "difendono" a secchiate d'acqua dalle finestre

SENIGALLIA - Residenti del centro storico esasperati dai gruppi di giovani ubriachi, che urlano fino a tarda notte prendendo a calci i portoni di casa. C’è chi minaccia di lanciare secchiate d’acqua dalla finestra, scenario che potrebbe davvero verificarsi visto che, in passato, è accaduto proprio sul centrale Corso 2 Giugno. La bella stagione ancora non è iniziata ma gli effetti indesiderati della movida si fanno sentire. C’è chi non riesce a dormire, per il caos, e la strada più movimentata, soprattutto il sabato sera, è via Gherardi. 

 

L’ intrusione

Molti giovanissimi si fermano tra via Gherardi e via Fagnani, dove per due weekend consecutivi ci sono state anche intrusioni nel magazzino di un’attività, per rubare beni di scarso valore. «In una società civile, come è appunto la nostra, non possiamo accettare gesti come il lancio di secchi d’acqua – commenta il sindaco Massimo Olivetti – per qualsiasi problema relativo agli schiamazzi è possibile chiamare le forze dell’ordine e la polizia locale che comunque sono sempre presenti, soprattutto nel fine settimana in centro storico, e quindi possono intervenire tempestivamente». Di solito le lamentele per schiamazzi iniziano ad arrivare con l’estate, dove ugualmente ci sarà una grande attenzione. 
«I giovani con la pandemia sono rimasti chiusi per tanti mesi perdendo momenti importanti di socialità – ricorda il sindaco – è comprensibile che ora vogliano uscire. I controlli non mancheranno, cercando di trovare il giusto compromesso tra le esigenze dei residenti, che hanno il diritto di riposarsi, e quelle dei giovani appunto a cui va garantito il divertimento. È chiaro però che rispetto a gesti di vandalismo non ci sarà invece alcun tipo di tolleranza. Per qualsiasi problema, a ogni modo, chiediamo ai cittadini di non prendere iniziative autonome ma di affidarsi alle forze dell’ordine». La collaborazione con i cittadini è sempre fondamentale anche per evitare episodi di vandalismo. C’è una grande attenzione verso le nuove generazioni da parte dell’Amministrazione comunale. Il presidente del Consiglio, Massimo Bello, ha partecipato, martedì pomeriggio, all’incontro organizzato dai giovani dell’Acli nazionale, che si è tenuto a Senigallia sul tema “L’Europa che verrà”. 

Il contributo 

«Costruire un’Europa più democratica e più vicina ai popoli del vecchio continente e a quelli dell’allargamento, frutto della politica di apertura e di vicinato dell’Unione europea - ha detto il presidente Bello ai giovani - significa investire nuove risorse intellettuali ed economiche. Ciascuno di noi deve essere in grado di dare il proprio contributo di idee e di proposte. Cultura e istruzione, lavoro e formazione devono essere obiettivi condivisi, soprattutto dai giovani. C’è ancora tanto da fare e i giovani possono essere i veri protagonisti del futuro».

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA