Minaccia di farla finita se la moglie lo lascia: trovato morto, ma ad ucciderlo è stato un malore

Lunedì 19 Ottobre 2020
Senigallia, minaccia di farla finita se la moglie lo lascia: trovato morto, ma ad ucciderlo è stato un malore

SENIGALLIA - E’ stato trovato nel suo appartamento privo di vita il 63enne di Marzocca che la settimana scorsa aveva minacciato di uccidersi se la moglie lo avesse lasciato.

LEGGI ANCHE:

Coronavirus, scendono i nuovi positivi delle Marche (98), ma crollano i tamponi e la percentuale si impenna/ La mappa del contagio

I ladri all'assalto delle abitazioni: anziano sorprende due incappucciati, urla e li mette in fuga

Oggi verrà eseguito un accertamento diagnostico presso l’obitorio di Torrette, dove si trova la salma. L’uomo, che viveva da solo, non rispondeva al telefono ai familiari che lo stavano cercando.

 

Nemmeno al citofono e da qualche giorno i vicini di casa non lo avevano visto. A quel punto, martedì scorso, i parenti hanno chiamato i carabinieri che si sono recati sul posto. Il 63enne era privo di sensi. Sul posto è arrivata anche un’ambulanza del 118 ma i sanitari non hanno potuto fare altro che constatare il decesso. La morte è sopraggiunta per cause naturali e, alla luce di ciò, la magistratura ha lasciato la salma a disposizione di familiari. Si terrà però oggi un accertamento diagnostico, non richiesto dalla magistratura, per approfondire la morte avvenuta per cause naturali. In un primo momento si era pensato che si fosse tolto la vita ingerendo delle medicine che stava prendendo. Poi però, controllando meglio, non sembra ne avesse prese in quantità tali da causare la morte. Nemmeno i familiari pensano si sia tolto la vita, ritengono piuttosto che possa aver avuto un infarto. Da qualche tempo la moglie se n’era andata di casa e lui non aveva accettato questo allontanamento. La settimana scorsa, dopo averla chiamata per discutere della casa, aveva minacciato che si sarebbe ucciso se lei se ne fosse andata. Erano dovuti intervenire i carabinieri e il 118. I sanitari l’avevano portato in ospedale perché era in un forte stato di agitazione. Una volta dimesso sembrava stesse bene. Poi martedì scorso è stato trovato privo di vita. Non si tratta di una morte violenta ma naturale e per questo non ci sono indagini in corso.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA