Mamamia chiuso 10 giorni per troppe liti: la festa di Halloween non ci sarà

Domenica 27 Ottobre 2019

SENIGALLIA  - Sigilli al Mamamia, chiuso ieri dai carabinieri su decisione del Questore. Lo stop sarà di dieci giorni. Troppe liti e aggressioni hanno indotto i militari a proporre ed ottenere la sospensione della licenza. Salta la festa di Halloween che coincideva con la riapertura del locale, nel frattempo chiuso dopo la pausa estiva. Ieri mattina i carabinieri della Compagnia di Senigallia, guidata dal capitano Francesca Romana Ruberto, hanno notificato al titolare della discoteca di via Fiorini a Cesano un provvedimento di sospensione della licenza per la durata di 10 giorni. 
 

 

Popolo della notte scatenato Alcol e risse, è caccia ai bulli

Senigallia, controlli dopo il concerto Trovati hashish, coca e anfetamina

 

Il decreto, emesso dal Questore di Ancona, deriva da un’iniziativa promossa proprio dai carabinieri, intervenuti negli ultimi mesi varie volte presso la discoteca per aggressioni e altri episodi di violenza, che hanno destato allarme sociale nella comunità. A seguito di tali fatti i carabinieri hanno avanzato una proposta di sospensione della licenza della discoteca, ai sensi dell’articolo 100 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza, con l’obiettivo di tutelare i cittadini e l’ordine pubblico. 

Il Questore, valutando la fondatezza di quanto rilevato dai carabinieri della Compagnia di Senigallia, ha emesso il provvedimento di sospensione della licenza, che decorre da ieri, giorno della notifica, e termina il 4 novembre. In questo arco di tempo la discoteca Mamamia sarà temporaneamente chiusa al pubblico. Uscita indenne dalla stretta sui controlli, sempre più severi, della commissione comunale di vigilanza e pubblico spettacolo, la discoteca è inciampata sulle aggressioni che si sono verificate nel corso dell’estate soprattutto sulla strada antistante. 
Tra le vittime anche le due ragazze picchiate. Una dal fidanzato che aveva poi dato un pugno sul naso, provocandole una frattura, all’amica intervenuta per difenderla. Poi ripetute aggressioni al personale da parte di quanti, volendo imbucarsi senza biglietto, cercavano di scavalcare la recinzione. In una circostanza un ragazzo era rimasto anche ferito ad un braccio nel corso dell’estate, provocandosi un profondo taglio. Un 20enne era finito in ospedale dopo essere stato picchiato da degli sconosciuti in strada. Sono alcuni degli episodi avvenuti tra giugno e settembre, che comprendono anche un’aggressione verbale contro il conducente di un autobus da parte di un ubriaco sempre in via Fiorini. Episodi avvenuti all’esterno dove il titolare ha più volte segnalato la difficoltà nel gestire l’area pubblica, diversamente dalle ingenti misura di sicurezza attivate invece all’interno. «Non condividiamo il provvedimento ma lo rispettiamo – spiegano dalla direzione del Mamamia -. Ci riteniamo soddisfatti del nostro lavoro e della sicurezza che abbiamo sempre garantito all’interno del locale». La stagione invernale sarebbe stata inaugurata giovedì 31 ottobre, la notte di Halloween. La festa è stata annullata e verrà recuperata la prossima successiva, probabilmente con un altro tema visto che Halloween sarà ormai superato. 

Nel frattempo resta chiuso anche il Night Club di Cesano, che dovrà ottemperare ad una serie di prescrizioni prima di poter riottenere l’agibilità. La stretta sui controlli ha portato alla chiusura definitiva della discoteca Ethò di Marzocca. La licenza è stata revocata. Da qualche settimana è tornato operativo il Megà, a cui era stata invece sospesa dalla commissione comunale di vigilanza e di pubblico spettacolo. Lo stesso era accaduto al Monella di Cesano, riaperto nel frattempo ma con un altro nome. Il ballo spontaneo dei clienti, senza che i locali fossero autorizzati, aveva invece comportato multe e sospensioni temporanee sulla riviera nei mesi scorsi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA