Traditi dall’auto in sosta, ladri presi nel ristorante. In manette pure il palo, era una donna

Lunedì 23 Novembre 2020 di Sabrina Marinelli
La telecamera girata dai ladri prima del colpo

SENIGALLIA - Arrestati dai carabinieri due ladri sorpresi all’interno del ristorante “Il Tesoro dei pirati” nella notte tra sabato e domenica. E poco dopo finisce in manette anche il palo, una donna che attendeva fuori ma non ha fatto in tempo ad avvisare i complici, nascosti all’interno del locale quando i carabinieri hanno fatto irruzione, arrestandoli in fragranza di reato.

LEGGI ANCHE

Aggredito da due cani nel tentativo di difendere il suo: cade e si ferisce, portato all'ospedale

  
Il racconto
Ad insospettire la pattuglia della stazione di Marzocca, in transito sul lungomare Italia dopo la mezzanotte, è stata una macchina parcheggiata davanti al ristorante. «Sono stati molto attenti e scrupolosi i carabinieri – racconta Talal Hind Karajah, titolare del ristorante e pizzeria – ci conoscono e sanno che quella macchina che non poteva essere la nostra, così hanno verificato di chi fosse». Dall’esterno sembrava tutto regolare, almeno guardando dalla vetrata che si affaccia sul lungomare. La pattuglia ha però girato intorno all’edificio. Sul retro, i militari hanno trovato una porta aperta. Era stata forzata. Hanno chiesto il supporto in centrale ed è sopraggiunta una pattuglia da Senigallia. Poiché l’auto dei ladri era parcheggiata lì davanti era evidente che fossero ancora nei paraggi. Li hanno infatti sorpresi e arrestati in flagranza. Avevano ancora addosso la refurtiva. «Sono stato chiamato dai carabinieri – prosegue il titolare – così li ho raggiunti nel locale dove c’erano ancor ai due ladri, italiani. Avevano preso il libretto degli assegni e i pochi soldi della cassa». Questa mattina verranno prelevate le immagini della telecamera. «Quando sono entrati, forzando la porta lato mare, hanno girato la telecamera all’ingresso – aggiunge il titolare – forse però di quella sulla cassa non si sono accorti. Quando i militari sono entrati loro si sono nascosti ma li hanno trovati e arrestati». 

L’intuito 
Un intuito eccezionale quello avuto dalla pattuglia di Marzocca che, insospettita da un’auto mai vista prima, ha deciso di capire di chi fosse e perché si trovasse lì. Con il coprifuoco non c’era in giro nessuno e l’auto in sosta proprio davanti al ristorante ha dato nell’occhio. «Devo ringraziare i carabinieri che sono stati davvero bravissimi – conclude il titolare – se non fosse stato per loro mi sarei accorto la mattina dopo e i ladri avrebbero fatto in tempo a scappare». I danni sono stati limitati perché c’è solo da aggiustare una porta che è stata forzata. Libretto degli assegni e soldi sono stati subito riconsegnati al titolare. Questa mattina si terrà la direttissima per il furto presso il tribunale di Ancona.

© RIPRODUZIONE RISERVATA