Laboratorio Analisi, le risposte al ralenty: in coda anche per un'ora, la rabbia dei cittadini

Giovedì 22 Luglio 2021
Laboratorio Analisi, le risposte al ralenty: in coda anche per un'ora, la rabbia dei cittadini

SENIGALLIA  - Laboratorio analisi intasato ieri mattina con un solo sportello aperto e quasi un’ora per ritirare un referto mentre il Pronto soccorso scoppia. Martedì è stato raggiunto il record, come non capitava da tanti anni, di 40 persone presenti contemporaneamente, 18 delle quali con codici verdi.

 

Quest’ultimo dato fa ben sperare perché con la riattivazione della guardia medica sul lungomare da lunedì il reparto di emergenza, che al momento tampona questa carenza, potrà respirare. Sono stati superati anche i 100 accessi giornalieri. C’è chi ha lamentato di aver passato fino a nove ore per una caduta. La carenza cronica di personale con il Pronto soccorso preso d’assalto per le situazioni meno gravi si traduce in lunghe attese. Lo sono state anche quelle di ieri mattina al Laboratorio analisi. Le risposte si possono ritirare dalle 11 alle 12.30. «Sono arrivata poco dopo le 11 – racconta una signora – e avevo già davanti 30 persone.

Un solo sportello aperto e c’era gente che per ritirare il referto stava anche dieci minuti. Il personale splendido come sempre ma un solo sportello e quasi un’ora per ritirare una busta mi sembra eccessivo. Di solito l’attesa non c’è o si tratta di pochi minuti». All’ingresso un’operatrice gestiva le due sale d’attesa che si erano riempite nel rispetto del distanziamento.

A nessuno è stata misurata la temperatura, nonostante la presenza su un tavolino del termoscanner. Al Pronto soccorso e Laboratorio analisi si registrano le principali carenze in termini di personale. Per fortuna almeno è stata risolta la questione della guardia medica turistica che da lunedì verrà riattivata in modo tale che i bagnanti e i turisti degli alberghi possano accedere alle postazioni, una sul lungomare di levante l’altra a ponente, per questioni non gravi senza andare ad intasare il Pronto soccorso, rischiando inoltre di sprecare una giornata di vacanza in attesa in ospedale. 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA