Nasce il Ponte Angeli dell'8 dicembre: il ricordo delle vittime di Corinaldo è scolpito per sempre

Venerdì 2 Luglio 2021 di Sabrina Marinelli
Il ponte Angeli 8 dicembre 2018 pronto per l'inaugurazione

SENIGALLIA - Ponte 2 Giugno è diventato ieri Ponte Angeli dell’8 dicembre 2018. In mattinata gli operai, sotto gli occhi incuriositi di numerosi passanti, hanno disposto la targa in marmo. Oggi alle 11 è prevista una cerimonia, ristretta a poche persone per evitare assembramenti, per inaugurare la struttura. La nuova opera è dedicata alle vittime della Lanterna Azzurra. La notte tra il 7 e l’8 dicembre del 2018, una serata dedicata alla musica e al divertimento, si è trasformata in una tragedia per cinque adolescenti e una giovane mamma che hanno perso la vita in attesa di ascoltare l’esibizione di Sfera Ebbasta, Emma Fabini, Eleonora Girolimini, Asia Nasoni, Mattia Orlandi, Daniele Pongetti e Benedetta Vitali, nonostante gli immediati interventi, non ce l’hanno fatta.

 


«Questa dolorosa vicenda ha suscitato l’unanime profonda commozione e il cordoglio dell’intera comunità cittadina - ricorda il sindaco Massimo Olivetti. - Tutta la città si è immediatamente stretta attorno ai familiari delle vittime, colpiti da un così grave lutto e dolore, esprimendo tutto l’affetto possibile». Il 9 gennaio dell’anno successivo, in seguito alla tragedia, si è costituito a Senigallia il Comitato genitori unitario le cui finalità sono quelle di perseguire la più ampia tutela della salute fisica e psicologica di tutti i ragazzi, con particolare riferimento al diritto al divertimento. Da questo impegno è nato il manifesto per il divertimento in sicurezza. Era stato proprio il Cogeu, in occasione della ricorrenza dell’8 dicembre 2020, a chiedere al sindaco uno spazio da dedicare alle vittime, suggerendo una piazza. Essendo subito disponibile il nuovo ponte la Giunta, ottenuto il parere della prefettura, ha optato per quello. «Abbiamo ritenuto di dover fare memoria di quanto accaduto in quella tragica notte - prosegue il sindaco - e ricordare il valore assoluto della vita. Era doveroso rendere omaggio alle vittime di quanto avvenuto nella discoteca Lanterna Azzurra di Corinaldo, intitolando a loro il ponte sul Misa che unisce Corso 2 Giugno a Via Carducci». 
Non appena sarà ceduto al Comune dalla Regione, terminate le pratiche burocratiche, il ponte sarà aperto anche alle auto. La Giunta ha pensato di renderlo pedonale sempre nel weekend e nei giorni feriali dalle 16 in poi ma il provvedimento definitivo ancora non è stato varato. «Stiamo valutando se farlo partire già in estate - conclude il primo cittadino - o se attendere direttamente settembre, lasciandolo nel frattempo solo pedonale». I lavori erano iniziati a ottobre poi una serie di imprevisti hanno dilatato i tempi di consegna, inizialmente previsti per dicembre. La conclusione è arrivata con una versione che sta facendo discutere. Molti scherzano sulla pavimentazione rossastra che ricorda i campi da tennis o le piste ciclabili mentre per i più romantici rappresenta un tappeto rosso per ingentilire la struttura in acciaio e l’asfalto nero. In effetti a richiedere che venisse colorato è stata proprio la Soprintendenza per motivi estetici.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA