Reati fiscali e lavoro nero: confiscati soldi e macchinari all'imprenditore cinese

Reati fiscali e lavoro nero: confiscati soldi e macchinari all'imprenditore cinese
Reati fiscali e lavoro nero: confiscati soldi e macchinari all'imprenditore cinese
3 Minuti di Lettura
Lunedì 25 Luglio 2022, 16:38

SENIGALLIA - Dopo la condanna arriva la confisca: i finanzieri della Tenenza di Senigallia nelle scorse settimane hanno dato esecuzione ad una sentenza divenuta irrevocabile emessa dal locale Tribunale nei confronti di un imprenditore tessile di origine cinese, imputato e condannato alla pena di due anni di reclusione per reati tributari e in materia di sicurezza sul lavoro, con la quale è stata disposta la confisca “per equivalente” del frutto del reato, fino a 600.000 euro. Confiscati conti correnti, crediti verso terzi ma anche macchinari professionali come, macchine da cuire,  stiratrici industriali e attaccabottoni, nella disponibilità del citato imprenditore.

«Correte, il mio amico non respira più». Soccorsi inutili: 50enne stroncato da un malore ad Ancona

La condanna è stata inflitta sulla base degli elementi emersi al termine di una complessa indagine di polizia giudiziaria condotta dagli stessi finanzieri senigalliesi e coordinata dalla Procura della Repubblica dorica, nel corso della quale venivano ricostruiti i reali utili dell’imprenditore condannato, occultati al Fisco grazie al sistema “apri e chiudi” di numerose imprese, con l’utilizzo di vari prestanome, nonchè mediante il ricorso a fatture per operazioni inesistenti per centinaia di migliaia di euro. Nel corso delle attività investigative, svolte sia attraverso perquisizioni eseguite in orario notturno negli opifici utilizzati dall’imprenditore, sia tramite mirati accertamenti bancari e l’escussione in atti di numerosi clienti e fornitori della ditta, venivano denunciati tre responsabili, per reati di natura fiscale e per diverse e ripetute violazioni in materia di sicurezza del lavoro. Le complesse attività eseguite permettevano, quindi, di ricostruire le dinamiche di quattro diverse società, appositamente costituite al fine di frodare il fisco, tutte riconducibili al citato imprenditore ma formalmente intestate ad altrettanti prestanome, operanti sempre nello stesso opificio e con i medesimi clienti e fornitori.

I finanzieri, pertanto, in esecuzione della citata sentenza di condanna, hanno proceduto alla confisca delle disponibilità finanziarie detenute su sette diversi conti correnti, crediti verso terzi, oltre che di quaranta macchinari utilizzati nell’attività produttiva, quali macchine professionali da cucire, stiratrici industriali e attaccabottoni, nella disponibilità del citato imprenditore.

© RIPRODUZIONE RISERVATA