Spacciava eroina con la supercar. Tossico pusher finisce in trappola, arrestato dalla polizia

La droga sequestrata al pusher
La droga sequestrata al pusher
di sabrina marinelli
3 Minuti di Lettura
Lunedì 11 Luglio 2022, 04:00 - Ultimo aggiornamento: 23:42

SENIGALLIA Seguendo i clienti la polizia ha scoperto uno spacciatore che li riforniva di eroina, consegnandola direttamente con la sua auto. Il pusher, anche lui tossicodipendente, è stato arrestato venerdì sera nei pressi del Ciarnin. Si tratta di un 35enne originario dell’Est Europa residente a Senigallia. Ancora uno spacciatore fermato dagli agenti del Commissariato di Senigallia mentre era impegnato nella sua attività di cessione dello stupefacente. 
L’attività si è conclusa venerdì sera al termine di una serie di accertamenti e servizi di polizia giudiziaria che hanno consentito di delineare il quadro dell’illecita attività.

I controlli

Da tempo gli agenti tenevano sotto controllo alcuni noti assuntori di stupefacenti del tipo eroina, e nel corso dei servizi di osservazione hanno accertato movimenti sospetti in zone periferiche della città, che si prestano a veloci incontri finalizzati alla cessione della droga. Pertanto, nella giornata di venerdì, i poliziotti hanno effettuato un attento controllo e rintracciato l’uomo che, a bordo del suo veicolo, un’auto di grossa cilindrata, si muoveva con fare sospetto. Dopo poco hanno deciso di entrare in azione, bloccandolo appena si era fermato per una consegna. E’ stato colto di sorpresa tant’è che i poliziotti hanno trovato sul sedile dell’auto alcuni involucri di eroina che ha tentato invano di gettare. Approfondendo il controllo gli agenti ne hanno trovati altri, oltre 600 euro, composte da banconote di piccolo taglio e ritenuto provento della proficua attività di spaccio. I poliziotti poi hanno esteso il controllo nella sua abitazione, trovando ulteriore sostanza del tipo eroina e materiale per il confezionamento. Inoltre l’uomo, tossicodipendente, è stato trovato in possesso di numerosi flaconi di metadone non utilizzati.

L'uomo in manette

Alla luce del quantitativo di sostanza rinvenuta in suo possesso, pari ad oltre 10 grammi, ai numerosi flaconi di metadone e al denaro sequestrato, nonché al quadro investigativo emerso da cui scaturiva la fitta rete di assuntori, con cui l’uomo aveva intrattenuto rapporti finalizzati alla cessione di stupefacenti, è stato tratto in arresto e messo a disposizione dell’autorità giudiziaria. Il magistrato ha disposto gli arresti domiciliari in attesa dell’udienza di convalida che si è svolta sabato mattina presso il Tribunale di Ancona. Il giudice ha convalidato l’arresto, applicando la misura cautelare dell’obbligo di presentazione alla polizia. «Questa tipologia di servizi – spiega il vicequestore Agostino Maurizio Licari, dirigente del Commissariato - rientra nella più ampia e articolata strategia di prevenzione e repressione dei fenomeni illeciti, che trova espressione nei numerosi servizi effettuati dagli uomini della Polizia di Stato, in coordinamento con le altre forze di polizia, nella città di Senigallia e territori limitrofi. Servizi finalizzati ad innalzare il grado di sicurezza, specie in questo periodo estivo in cui ormai le presenze turistiche hanno raggiunto importanti livelli. Proseguiranno per tutta la stagione con l’impiego anche di personale dei reparti speciali della Polizia di Stato».

© RIPRODUZIONE RISERVATA