Elezioni comunali a Senigallia. Irrompe Sgarbi: «Ho deciso, mi candido»

Giovedì 25 Giugno 2020
Vittorio Sgarbi

SENIGALLIA - Arriverà il 9 luglio in città il professore Vittorio Sgarbi, per ufficializzare la sua candidatura con Forza Italia nella coalizione di centrodestra. Nella stessa data, probabilmente, verrà ufficializzato anche il nome del candidato sindaco. «E’ ufficiale – dichiara il critico d’arte – mi candiderò con Forza Italia e verrò in città il 9 luglio». Nel caso di vittoria non sarà una presenza fissa la sua, lo ribadisce a scanso di equivoci, ma vuole rassicurare il consigliere del Pd Mauro Pierfederici, che in commissione cultura ha definito la sua una pubblicità ingannevole visto che si vedrà poco. «Stia tranquillo il consigliere del Pd – replica Vittorio Sgarbi - che non sarà pubblicità ingannevole. Sarà pubblicità sì, è normale che le persone conosciute possano essere di richiamo, ma ingannevole no, perché poterò gente con le mostre».

LEGGI ANCHE:

Accusa un arresto cardiaco, corsa contro il tempo per salvare un 60enne
 
Riguardo alla sua presenza aggiunge: «Il consigliere forse non conosce bene le norme, l’assessore alla Cultura non deve essere presente tutti i giorni, non è la delega al personale. Basta che lavori per garantire un’offerta culturale all’altezza di Senigallia, una città bellissima che ha molto da offrire, creando dei collegamenti con il mondo, facendo arrivare la gente per visitare le mostre e la città». Per il professore quindi non bisogna soffermarsi sulla quantità del tempo dedicato ma sulla qualità del prodotto. Una scelta simile l’aveva fatta anche l’ex sindaco Angeloni, scegliendo l’architetto Massimo Colocci che si divideva tra Senigallia e Roma. Sgarbi ha deciso di non arrivare da esterno, chiamato solo in caso di vittoria per il centrodestra ma di candidarsi in consiglio, raccogliendo voti per la coalizione. Vuole quindi ricambiare l’opportunità. Ha già qualche idea nel caso in cui dovesse diventare assessore. «Terrei la Rotonda sempre aperta con l’arte contemporanea che in quel contesto si inserisce bene – anticipa – poi mi piacerebbe portare la mostra di Banksy».

Il writer inglese famoso in tutto il mondo ha sempre richiamato un pubblico numeroso. Insomma il critico d’arte metterà a disposizione della città, qualora il centrodestra dovesse vincere, le sue competenze. L’obiettivo è portare gente per riempire gli alberghi, destagionalizzare il turismo creando eventi in ogni periodo dell’anno e quindi lavoro per l’indotto. Entrerà nella lista di Forza Italia dove verrà inserito il suo nome, come già era accaduto con le elezioni ad Urbino. La stessa formula quindi che, nel caso di Urbino, era risultata vincente. Nel caso in cui dovesse perdere non diventerà consigliere comunale di opposizione perché la carica elettiva, diversamente dall’assessore su nomina del sindaco, è incompatibile con altri incarichi che già ricopre.

Ultimo aggiornamento: 15:35 © RIPRODUZIONE RISERVATA