Disoccupato accampato sotto il Comune: chiede l’elemosina, gli offrono un lavoro. Ecco il suo racconto emozionante

Disoccupato accampato sotto il Comune: chiede l elemosina, gli offrono un lavoro. Ecco il suo racconto emozionante
Disoccupato accampato sotto il Comune: chiede l’elemosina, gli offrono un lavoro. Ecco il suo racconto emozionante
di Sabrina Marinelli
3 Minuti di Lettura
Venerdì 10 Dicembre 2021, 04:05 - Ultimo aggiornamento: 15:18

SENIGALLIA  - Chiede l’elemosina e gli offrono un lavoro. Un bel lieto fine per un 38enne, muratore, che si era accampato mercoledì sera sotto il Comune non sapendo dove andare a dormire. In una gelida nottata di dicembre ha ricevuto il calore di una comunità che l’ha accolto e ha trovato anche un’occupazione. Purtroppo ha dovuto dormire all’aperto ma non gli hanno fatto mancare nulla.

Covid Marche, la Regione studia (da lontano) l’allargamento dei posti letto in area medica per evitare la zona gialla

«Un mese fa ho perso il lavoro - racconta Claudio, di origine romena - facevo il muratore ad Ancona e abitavo con una famiglia a cui pagavo le spese. Poi c’è stata la crisi e mi hanno licenziato. Non me la sono più sentita di restare in quella casa senza poter contribuire. Ho iniziato a chiedere l’elemosina, prima ad Ancona poi a Senigallia». Non è passato inosservato mercoledì sotto il portico di piazza Roma. 


«Devo ringraziare i volontari di SoSpesa e Giuseppe Ticli in particolare - racconta - mi hanno portato le scarpe, i vestiti. Ero bagnato e infreddolito e mi sono potuto cambiare». È stata poi contattata la Caritas dove ha potuto lavarsi, rifocillarsi e gli hanno dato anche un pacco di viveri. «Purtroppo per essere accolto formalmente serviva il Green pass - spiega Giovanni Bomprezzi, direttore della Caritas - c’era la possibilità di vaccinarsi ma non ha voluto e rispettiamo la sua scelta. Per tutelare gli altri ospiti, ed essendo comunque soggetti a controlli come tutti, non possiamo accogliere persone senza il certificato verde. È stato molto cordiale ed educato e per quello che abbiamo potuto ci siamo messi a disposizione».

Avrebbe potuto fare il tampone, ma per il molecolare la risposta non sarebbe arrivata in fretta e la Caritas inoltre non può farsi carico ogni due giorni di pagarglielo. Nel frattempo almeno è arrivato il lavoro. «Un signore di Ancona, che mi aveva chiesto perché chiedessi l’elemosina, mi ha offerto un lavoro - racconta - sono già andato al colloquio e inizio lunedì in prova, poi se va tutto bene a gennaio mi assumerà. Così potrò mandare i soldi a mia moglie e ai bambini in Romania. Gli ho inviato sempre 100 euro a settimana prima e adesso hanno bisogno di soldi perché nevica, fa freddo e la legna costa». Ha vagabondato per quasi un mese ma adesso l’incubo è finito. 


«Ero disperato ma sono una persona seria, non rubo, così mi sono messo a terra a chiedere l’elemosina - conclude. - La gente è stata generosa e in molti mi hanno chiesto cosa sapessi fare. Un’anziana signora mi ha pagato per un giorno per dei lavori di giardinaggio a casa sua. Il problema rimane solo dove dormire. Ho paura a fare il vaccino, non me la sento, e non posso permettermi il tampone».

© RIPRODUZIONE RISERVATA