Covid, positivo l’ex cappellano dell’ospedale: curato con gli anticorpi monoclonali: «Paure, ansie e sollievo, vi racconto tutto»

Domenica 18 Aprile 2021 di Sabrina Marinelli
Don Maurizio Gaggini

SENIGALLIA  - C’è anche un sacerdote tra i pochi selezionati per il trattamento con gli anticorpi monoclonali. Si tratta di Maurizio Gaggini, ex cappellano dell’ospedale ora in pensione. Tra pochi giorni compirà 74 anni, è in quarantena perché positivo. «Ero convinto di aver preso il raffreddore – racconta don Maurizio – alla vigilia di Pasqua ero andato a confessare a Belvedere Ostrense. Avevo aperto il finestrone per far circolare l’aria ma era una giornata fredda. La mascherina non l’ho mai tolta. Già dal giorno di Pasqua ho iniziato ad avere il raffreddore che ho cercato di curare come facevo abitualmente». Non era allarmato. Aveva preso tutte le precauzioni tra mascherina, distanze e mani continuamente igienizzate. 

LEGGI ANCHE:

Contagiati a pochi giorni dal vaccino: «Sono salvi, ma che paura di perderli». Lo choc di una coppia di 80enni raccontato dalla figlia

 


Dopo un paio di giorni è arrivata la febbre. «Avevo 37,2 – prosegue – non era alta ma ho informato il medico, convinto ancora avessi l’influenza. Ero stato attentissimo mi sembrava impossibile aver preso il Covid. Il dottore però per precauzione mi ha fissato un tampone e il 9 aprile è arrivato l’esito: ero davvero positivo». Don Maurizio rientrava tra i soggetti a rischio avendo altri problemi di salute. Per questo motivo è stato selezionato per la terapia. «Lunedì mi hanno fatto una flebo che è durata circa un’ora ma non ho sentito nulla. Un medico dell’Usca mi ha già chiamato tre volte per sapere se avessi sintomi. Gli ho detto che si, uno ne avevo. Una grande vitalità. Mi sento rinato». 

Il sacerdote attende di tornare negativo per salire di nuovo in bicicletta. La sua passione. «Appena possibile farò anche il vaccino, l’avevo già prenotato. L’avrei dovuto fare il 5 maggio e invece ha fatto prima il Covid. Mi sento fortunato, perché sto bene, e privilegiato per come mi stanno seguendo». Una raccomandazione ai senigalliesi: «Non prendete alla leggera questo Covid perché porta danni anche dopo che se n’è andato. Non sottovalutate i sintomi e chiamate subito il medico, inoltre prestate sempre massima attenzione alle regole, perché basta pochissimo per prenderlo e io ne sono l’esempio. Appena possibile vaccinatevi. E’ interesse di tutti farci stare bene. Siate quindi prudenti ma non diffidenti».

 

Ultimo aggiornamento: 15:29 © RIPRODUZIONE RISERVATA