Un altro buco nero sul lungomare Marconi: l’ex Hotel Marche è un rottame

Un altro buco nero sul lungomare Marconi: l ex Hotel Marche è un rottame
Un altro buco nero sul lungomare Marconi: l’ex Hotel Marche è un rottame
di Sabrina Marinelli
3 Minuti di Lettura
Lunedì 11 Aprile 2022, 08:10

SENIGALLIA  - Una vetrata trovata rotta ieri mattina all’ex Hotel Marche sull’ingresso del lungomare Marconi mentre sul retro sabato gli operai hanno chiuso un buco, creato nei pannelli che circondano l’edificio. In passato erano stati posizionati proprio per evitare intrusioni. Nel cuore della riviera un angolo di degrado che attira l’attenzione dei passanti, soprattutto dei primi turisti di passaggio in città. Poco distante dalla zona dove gli operai sabato hanno richiuso l’apertura che, evidentemente, qualcuno deve aver creato, c’è l’ex Palazzo del turismo luogo di bivacchi


Qui un gruppo di residenti venerdì ha pulito tutto dopo che un marocchino ubriaco, che si era accampato, se n’era andato su richiesta dei vigili urbani. I residenti sono stati di convivere con tanta incuria. Ieri passeggiando sul lungomare Marconi, tra il porto e la Rotonda, in molti hanno notato la grande finestra rotta nella facciata dello storico albergo ma nessuno sembra sapere cosa sia accaduto. «L’edificio è della Provincia – spiega l sindaco Massimo Olivetti –, non so cosa sia accaduto di preciso». Nemmeno la Provincia ieri era a conoscenza.

«Non ne so nulla – interviene Daniele Carnevali, presidente della Provincia – mi informo». Essendo domenica non è stato facile trovare subito delle risposte. A pochi metri dalla finestra danneggiata c’era anche una scarpa da donna abbandonata. L’idea era che qualcuno avesse cercato di introdursi ma essendoci stato anche un furto vento, annunciato dall’allerta meteo, al momento nulla è escluso. Tutti in città si augurano che sia l’ex Hotel Marche che l’ex Iat alle sue spalle possano essere venduti al più presto per eliminare il degrado che li circonda.

Di sera i residenti notano spesso persone che girano intorno ai due edifici ma mentre per l’ex Palazzo del turismo poi si fermano nell’atrio per bivaccare, nessuno sa se dentro il vecchio albergo qualcuno sia riuscito ad introdursi di nuovo, come tante volte è accaduto in passato. Solo la Provincia, verificando al suo interno, potrebbe dare una risposta. Imprenditori interessati all’acquisto ce ne sono da tempo, anche senigalliesi, ma i costi per l’ex Hotel Marche sono ingenti e non solo per l’acquisto. L’investimento diventa impegnativo per le condizioni in cui l’imponente struttura si trova. 


Sono anni che la Provincia tenta di vendere, tra aste deserte e trattative private che non arrivano mai a conclusione, e lo stesso la Regione con l’ex Iat. Svariati tentativi sono stati fatti anche per venderli insieme visto che si trovano molto vicini, ma sempre invano. Nel frattempo, però, versano in stato d’abbandono, chiusi da tanti anni, in una pozione che dovrebbe rappresentare il biglietto da visita della città.

© RIPRODUZIONE RISERVATA