Pugni all’amico e atti vandalici
Le spycam incastrano un 16enne

Giovedì 27 Aprile 2017
Pugni all’amico e atti vandalici Le spycam incastrano un 16enne

SENIGALLIA - Incastrato dalle telecamere del negozio di bibite e merendine, il 16enne che nei giorni scorsi ha picchiato un coetaneo che non aveva voluto dargli i soldi. Ieri il ragazzo, classe 2000 ma ancora 16enne, è stato trasferito in una comunità. Il giudice del tribunale dei minori, confermata dai filmati la tentata rapina oltre alle lesioni personali, ha deciso quindi per la misura cautelare in comunità.

Ieri pomeriggio i carabinieri sono andati a prelevarlo a casa dove era tornato dopo essere stato dimesso dall’ospedale di Torrette. Si tratta infatti dello stesso 16enne che venerdì scorso ha rotto con un pugno una vetrina in via Manni, dopo aver litigato con la fidanzata, ferendosi ad un braccio. L’episodio più grave, che gli è costato l’allontanamento dalla famiglia, è avvenuto all’interno dell’esercizio commerciale che si affaccia su piazza IV Agosto, di fianco al Comune. L’attività è dotata di un sistema di videosorveglianza che ha ripreso tutto. Oltre all’aggressione in cui è rimasto ferito un coetaneo che si era rifiutato di dare i soldi, ed era stato poi ricoverato in ospedale per curare le ferite al volto, il 16enne è stato immortalato anche mentre lanciava una bottiglia contro un distributore nel tentativo di rompere il vetro, che si è invece solo incrinato

© RIPRODUZIONE RISERVATA