Blitz dei carabinieri al pronto soccorso: entrano tutti, non è sicuro

Mercoledì 12 Febbraio 2020 di Sabrina Marinelli
Senigallia, blitz dei carabinieri al pronto soccorso: entrano tutti, non è sicuro

SENIGALLIA Blitz del Nas al pronto soccorso dove i carabinieri della Sanità hanno rilevato irregolarità nel triage relative alla sicurezza e la tutela del paziente. Non ci sono abbastanza filtri all'accesso di estranei, con situazioni di potenziale pericolo anche per gli operatori. Finalmente però partiranno i lavori. Gli esiti dell'ispezione sono stati comunicati all'azienda che ha deciso quindi di intervenire. Decisivo al riguardo è stato il pressing della Cgil che, anche nell'incontro avuto lo scorso 7 febbraio, ha rimarcato l'emergenza di prendere provvedimenti alla luce della rissa di gennaio, l'ultimo di una serie di episodi tra liti e aggressioni.

LEGGI ANCHE:
Macerata, auto straziata dal guardrail ed un'altra cappottata: conducenti al Pronto soccorso

Tamponamento a catena tra due camion ed un'auto: traffico in tilt sulla Statale


«Siamo orgogliosi che la materia sia divenuta finalmente oggetto di tavolo di discussione e monitoraggio permanente in Area Vasta 2.- dichiarano Nadia Manuali e Giacomo Mancinelli delegati della Fp Cgil dell'Area Vasta 2 -. Già alla vigilia del tavolo tecnico avevamo comunque riscontrato un bel segnale, ricevendo la comunicazione aziendale in risposta al nostro intervento, sinergico con l'azione dei rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza, sul pronto soccorso dove verranno finalmente avviati i lavori per la sua messa in sicurezza».
 
Problema rilevato nei giorni scorsi pure dal Nas di Ancona, durante un'ispezione dei locali. I militari del comando per la tutela della sanità hanno infatti riscontrato quanto i sindacati e il Tribunale del malato sostengono da anni. Non va bene un ambiente aperto che permette a chiunque di accedere al triage, che non è diviso dalla sala d'aspetto, e raggiungere anche le medicherie con i feriti sulle barelle. Finalmente qualcosa si farà. «Il primo step prevede - continuano Manuali e Mancinelli - di porre in sicurezza il triage e quindi iniziare a breve i lavori, in modo che finalmente quest'anno si affronterà, per la prima volta, il periodo estivo in sicurezza e tranquillità. Cogliamo pertanto positivamente la posizione della direzione dell'Area Vasta 2- continuano - che, ascoltando le nostre richieste, ha deciso di avviare i lavori».
Il Tribunale del malato
Al riguardo il presidente del Tribunale del malato, Umberto Solazzi, aggiunge: «Giustamente i carabinieri del Nas hanno rilevato le carenze del triage per una questione di sicurezza e tutela della salute, come da dieci anni ho sempre sostenuto anch'io, ma c'è anche l'aspetto della privacy. In una postazione aperta come si presenta oggi ognuno deve descrivere i suoi sintomi davanti a tutti».
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA