Francesca Maria celebra il ritorno con un videoclip girato in strada, ma piombano i vigili urbani

Mercoledì 16 Settembre 2020
Senigallia, Francesca Maria celebra il ritorno con un videoclip girato in strada, ma piombano i vigili urbani

SENIGALLIA - Con un videoclip girato sul lungomare di Cesano la ballerina e cantante, di fama mondiale, Francesca Maria annuncia il suo ritorno ma la gente chiama i vigili e ci rimedia pure un «manco sei brava».

LEGGI ANCHE:
Lavoro nero, norme igieniche e anti Covid ignorate: azienda chiusa, multa da capogiro in arrivo

Due esplosioni, poi le fiamme. La notte di fuoco ha tenuto con il fiato sospeso Ancona. Nube: chiuse scuole, parchi, università e uffici al pubblico. Il Comune. "Uscite solo se indispensabile". Primi responsi per l'aria

«Il video l’ho girato a fine agosto e ieri l’ho pubblicato – racconta –, rappresenta il mio ritorno a casa perché ho deciso di lasciare New York, dove ho vissuto tanti anni. Ogni tanto però ci andrò, ho anche un tour rinviato a causa del Covid». In parte il motivo del suo ritorno.
 
«Volevo stare vicina alla mia famiglia che mi mancava molto, l’emergenza sanitaria ha accelerato questa scelta, dettata inoltre da un nuovo lavoro che sto preparando con la Sony Music Italia, che uscirà ad ottobre». Il videoclip pubblicato ieri rappresenta solo l’annuncio del suo ritorno in città. Svariate migliaia di visualizzazioni hanno fatto seguito sui social. «Ci tengo a raccontare il dietro le quinte di questo video per aprire una riflessione. Era improvvisato come sempre ho fatto in tutte le parti del mondo in strada. A New York lo posso fare, nessuno si lamenta, ma a Cesano no. Io e la ragazza che faceva le riprese siamo state attente a fermarci quando arrivavano le macchine quindi non abbiamo mai interrotto il traffico, eppure hanno chiamato i vigili che hanno fatto bene a venire, è il loro lavoro». Poi una signora le ha detto che non era brava. «Spero che questa grettezza possa lasciare il posto al rispetto verso l’arte, perché così si ammazzano i sogni dei giovani invece di incoraggiarli».

© RIPRODUZIONE RISERVATA