Autorizzato l'acquisto dei t-red. Ai semafori arrivano le telecamere, occhi puntati sui furbetti del rosso

Autorizzato l'acquisto dei t-red. Ai semafori arrivano le telecamere, occhi puntati sui furbetti del rosso
Autorizzato l'acquisto dei t-red. Ai semafori arrivano le telecamere, occhi puntati sui furbetti del rosso
di Sabrina Marinelli
3 Minuti di Lettura
Mercoledì 9 Marzo 2022, 05:10

SENIGALLIA  - Autorizzato l’acquistato dei T-red che rileveranno i passaggi con il rosso solo in due direzioni. Nel semaforo tra via Sanzio, via Cilea e via Zanella solo per i veicoli che transitano in via Sanzio da nord verso sud. Le altre direzioni resteranno libere. Per quanto riguarda limpianto tra viale Mercantini e viale IV Novembre solo chi transita in quest’ultima via verrà controllato. 

 


Non è stato ritenuto opportuno mettere le telecamere in ogni direzione ma solo nelle due scelte dal comandante della polizia locale e del responsabile dell’ufficio strade, dopo un sopralluogo. «Abbiamo scelto di installare il sistema di controllo automatico delle violazioni dell’articolo 41 del Codice della Strada – spiega il sindaco Massimo Olivetti – ossia il passaggio con il rosso, nelle due intersezioni che hanno presentato i maggior numero di incidenti, risultando maggiormente pericolose». Si tratta di due incroci molto trafficati dove spesso avvengono incidenti nonostante il passaggio sia scandito dai colori che, evidentemente, non sempre vengono rispettati. «Il comandante Assanti e il geometra Piccinini hanno effettuato un sopralluogo congiunto – prosegue il primo cittadino – e dalla relazione che mi hanno trasmesso hanno individuato le direzioni nelle quali posizionare i due sistemi di controllo».

Nella relazione il comandante dei vigili e il responsabile dell’ufficio strade spiegano che «per l’intersezione IV Novembre-Mercantini, è maggiore il flusso di traffico proveniente da viale IV Novembre e per l’intersezione via Sanzio-Cilea-Zanella, è più probabile che le violazioni avvengano nella direzione nord-sud di via Sanzio, a causa della larghezza della strada, della provenienza dall’esterno del centro abitato e dell’assenza di esercizi commerciali, che portano a non ridurre la velocità e a non avvedersi del rosso semaforico, creando pericolo, oltre che per i veicoli provenienti dalle altre direzioni, anche per i pedoni che si accingono ad attraversare da monte a mare». Da qui la decisione di tenere sotto controllo queste due direzioni. Il sindaco spiega inoltre che il controllo è stato affidato ai dispositivi elettronici perché «il personale appartenente al Corpo della polizia locale, visti i numerosi compiti a cui deve adempiere, non può garantire un controllo costante delle intersezioni semaforiche». Gli occhi elettronici consentiranno invece di effettuare verifiche puntuali per ogni veicolo che transita. I dispositivi sono in grado di accertare anche altre violazioni ma al Comune interessa al momento il rispetto del rosso, come deterrente per evitare incidenti.


L’articolo 41 del Codice della strada stabilisce che, durante il periodo di accensione del rosso, i veicoli non debbano superare la striscia d’arresto. Un dettaglio importante a cui prestare attenzione perché nei Comuni limitrofi, dove molte sanzioni sono state fatte con il T-red, diversi automobilisti sono stati multati solo per aver superato la riga ma senza essere passati con il rosso. Il Comune ha comunque garantito che verrà data ampia diffusione prima dell’attivazione dei dispositivi, spiegandone il funzionamento.

© RIPRODUZIONE RISERVATA