Arrivate in città le travi in acciaio: ora il ponte 2 giugno può finalmente prendere forma

Sabato 12 Dicembre 2020 di Sabrina Marinelli
Arrivate in città le travi in acciaio: ora il ponte 2 giugno può prendere forma

SENIGALLIA  - Sono iniziate ad arrivare ieri mattina le prime travi in acciaio bianco del nuovo ponte 2 Giugno che verranno assemblate e saldate sul posto. Sono giornate decisive e di grande emozione per i senigalliesi perché la struttura comincerà a prendere forma, in vista del varo programmato per il 17 dicembre. Un numero che non spaventa perché ormai di imprevisti ce ne sono stati diversi ma tutti superati in fretta.

LEGGI ANCHE:

Ponte 2 Giugno passato al setaccio per scovare altri ordigni bellici

 

Tra la tarda mattinata ed il pomeriggio è stato necessario chiudere di nuovo al traffico via dei Portici Ercolani con qualche disagio per la circolazione soprattutto per il mancato preavviso. Non era prevista questa chiusura e anche la polizia locale ne è stata informata solo in mattinata dalla direzione dei lavori. 


«Sono iniziate ad arrivare le travi del nuovo ponte – spiega l’avvocato Claudio Netti, presidente del Consorzio di bonifica delle Marche – e nel giro di qualche giorno inizierà a prendere forma. Salvo ulteriori imprevisti, che ci auguriamo non si presentino, il 17 sarà varato. Gli operai lavoreranno anche nel weekend, domenica compresa». Ciò non significa che sarà transitabile ma solo che saranno state ultimate le operazioni di assemblaggio e di saldatura. Per quella data il ponte sarà montato. Dovrà essere poi collaudato per diventare carrabile e questa procedura richiederà altro tempo. Intanto però la città avrà il suo ponte per Natale e gradualmente il cantiere si potrà restringere, recuperando così parcheggi al servizio del centro storico e la completa disponibilità della carreggiata ristretta in via dei Portici Ercolani.

A tal proposito il 16 ed il 17 dicembre, mercoledì e giovedì prossimo quindi, per completare la saldatura e successivo varo del ponte, la polizia locale ha disposto la chiusura di via dei Portici Ercolani dalle 9 e per tutta la giornata nel tratto compreso dall’intersezione con via Fratelli Bandiera a via Ottorino Manni. Ancora due giorni di sacrifici per gli automobilisti. Gli ultimi. L’opera infatti è quasi ultimata dopo aver recuperato in tempi record i ritardi accumulati per il ritrovamento degli undici ordigni bellici, che hanno comportato il blocco del cantiere e la successiva bonifica. «Da lunedì entrerà nel vivo anche il dragaggio del tratto di fiume che attraversa il porto – prosegue il presidente Netti –, il cantiere sulla banchina è già stato predisposto e sono arrivati anche i macchinari. Da lunedì i sedimenti verranno rimossi dal fiume e portavi via subito dai camion». Ponte e dragaggio sono due interventi collegati, finanziati dalla Regione Marche e affidati nella gestione al braccio operativo rappresentato appunto dal Consorzio di bonifica delle Marche. 


Sono entrambe opere che serviranno a ridurre il rischio idrogeologico, consentendo di aumentare la portata del fiume così da ridurre il rischio di esondazione nel tratto che attraversa il centro storico. Entro gennaio sarà tutto finito. Per il ponte dopo le feste resteranno solo dettagli marginali, visto che verrà montato prima di Natale, mentre la fine del dragaggio, che comunque non ha ripercussioni sulla vita cittadina, è prevista per il 22 gennaio.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA