Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Rabbia, stanchezza e dolore a Senigallia: le ricerche di Mattia e Brunella proseguono senza soste

Rabbia, stanchezza e dolore: le ricerche di Mattia e Brunella proseguono sotto la pioggia
Rabbia, stanchezza e dolore: le ricerche di Mattia e Brunella proseguono sotto la pioggia
3 Minuti di Lettura
Mercoledì 21 Settembre 2022, 08:44 - Ultimo aggiornamento: 22 Settembre, 08:29

SENIGALLIA - Anche la pioggia a complicare le cose poi per fortuna nel corso della mattinata è comparso anche un po' di sole. Disagi che si susseguono, nervosismo sempre più forte, stanchezza. E le polemiche tra le allerte mai arrivate e le difficili manovre per aiutare chi ha più problemi. Ma ancora tanta energia: proseguono sulle condutture di un passaggio a guado sul torrente Nevola, nel territorio di Corinaldo, vicino a dove è stata ritrovata l'auto di Brunella Chiù, le ricerche delle due persone che risultano ancora disperse dopo l'ondata di maltempo che ha colpito le Marche nella maledetta notte del 15 settembre: Mattia Luconi, 8 anni, scomparso nel territorio di Castelleone di Suasa, e appunto Brunella Chiù, 56 anni, trascinata via dalla piena mentre era a bordo della sua automobile a Barbara.

La scorsa notte la carcassa della vettura, una Bmw serie 1 bianca, è stata ripescata (e rimossa oggi) nel fiume nei pressi del ponte del Burello, tra Pianello di Ostra e Barbara: era molto danneggiata e piena di fango, della donna però nessuna traccia. I carabinieri che operano sul posto intensificano oggi le ricerche. Ancora nessuna traccia anche di Mattia: i vigili del fuoco stanno operando con i sommozzatori sia alla foce del fiume, sia un tratto a monte dell'asta fluviale. La zona è sorvolata da un elicottero dei vigili del fuoco.

Ritrovata un'altra auto

Un'altra auto è stata ritrovata nel torrente Nevola, tra i Comuni di Corinaldo e Trecastelli. All'interno dell'abitacolo non c'era nessuno. L'auto - ancora una Bmw - potrebbe appartenere sempre alla famiglia Chiù, l'ipotesi è che sia l'auto di Simone, figlio di Brunella e fratello della 17enne Noemi, unico superstite della famiglia.

Ricerche intensificate

Si intensificano e concentrano in un unico punto le ricerche del piccolo Mattia e della 56enne Brunella Chiù. I sommozzatori dei vigili del fuoco, dei carabinieri e della guardia di finanza si stanno concentrando sulle condutture di un passaggio a guado sul torrente Nevola, nel territorio di Corinaldo, dove ieri sera è stata rinvenuta l'auto della donna. I soccorritori stanno ispezionando i quattro canali, rimuovendo all'interno i detriti. Un'operazione tesa a verificare se all'interno possano trovarsi i corpi degli scomparsi. All'intervento stanno partecipando anche gli abitanti della zona, dei coltivatori che stanno fornendo dei materiali per agevolare le operazioni. In particolare si sta verificando un canale laterale. La decisione di insistere su questo passaggio in cemento, è stata presa dopo che per l'intera giornata è stato scandagliato il torrente per alcuni chilometri, senza alcun esito.

 L'ultimo saluto 

Oggi intanto è previsto un unico funerale per le 4 vittime di Pianello di Ostra, al campo sportivo; Giuseppe Tisba, 65 anni, e suo figlio Andrea, 25, oltre a Diego Chiappetti, 51, e all'84enne Fernando Olivi. Ultimo saluto a Trecastelli nella chiesa parrocchiale di Passo Ripe per Maria Luisa Sereni, 80 anni.

© RIPRODUZIONE RISERVATA