Si allarga il focolaio alle Fagnani: altri otto casi positivi. Classi in dad, oggi scuola sanificata

Si allarga il fcolaio alle Fagnani: altri otto casi positivi. Classi in dad, oggi scuola sanificata
Si allarga il fcolaio alle Fagnani: altri otto casi positivi. Classi in dad, oggi scuola sanificata
di Sabrina Marinelli
2 Minuti di Lettura
Mercoledì 1 Dicembre 2021, 03:10

SENIGALLIA  - Cresce il focolaio alla scuola Fagnani dove oggi pomeriggio verrà eseguita la sanificazione dell’edificio. Il sindaco fa sapere inoltre che, dopo una valutazione in Giunta, ha deciso di non emanare ordinanze restrittive per il centro storico. Due invece i ricoveri al Pronto soccorso ieri. Una 91enne di Monterado di Trecastelli in attesa della terza dose, trasferita a Jesi, e un 48enne di Serra de’ Conti non vaccinato.

Dopo le due classi in quarantena alle medie Fagnani, presso il centro tamponi al Bianchelli sono state convocate cinque classi dove sono emersi altri 8 positivi. Il risultato del molecolare è arrivato ieri mattina. «Di concerto con la dirigenza – spiega il sindaco Massimo Olivetti – abbiamo ritenuto opportuno provvedere ad una sanificazione». 
Avverrà nel pomeriggio per non interferire con l’attività didattica. Intervento che lunedì ha interessato anche gli uffici comunali dei servizi sociali, per un caso positivo, ma che non è stato programmato invece nel plesso della scuola di Marzocca, dove sono ospitate anche le classi di Montignano e dove si registrano numerosi positivi con classi in quarantena. Nell’ultimo report del 25 novembre gli studenti senigalliesi positivi erano 49 ma il dato è sottostimato, visti i continui aggiornamenti.

«Proprio per monitorare la situazione nelle scuole è stato aperto il centro tamponi allo stadio - ricorda il sindaco -, stanno andando invece bene le vaccinazioni all’hub vaccinale anche se ho sollecitato in Regione la necessità di più personale per poter aumentare le linee e velocizzare. In una sola giornata comunque con 360 prenotati ne sono stati vaccinati 511». A sollecitare un intervento in tal senso è stato ieri in consiglio comunale Margherita Angeletti, consigliere del Pd. Si è appreso di un problema con i medici che non si sarebbero visti riconoscere l’onorario per il lavoro straordinario. Sono attive dalle 2 alle 3 linee. «Non credo di dover fare ordinanze spot per chiudere il centro o introdurre un obbligo che già esiste – conclude il primo cittadino -. Abbiamo valutato la situazione e deciso che le regole già ci sono e basta rispettarle. Nei luoghi affollati, anche all’aperto, va indossata la mascherina».

© RIPRODUZIONE RISERVATA