Alcolici ai minorenni, chiuso per 20 giorni locale sul lungomare di Senigallia: la stangata dopo ripetuti episodi

Alcolici ai minorenni, chiuso per 20 giorni locale sul lungomare di Senigallia: la stangata dopo ripetuti episodi
Alcolici ai minorenni, chiuso per 20 giorni locale sul lungomare di Senigallia: la stangata dopo ripetuti episodi
5 Minuti di Lettura
Mercoledì 6 Luglio 2022, 09:39 - Ultimo aggiornamento: 7 Luglio, 08:23

SENIGALLIA - Prosecco e altri alcolici a minorenni, chiuso per 20 giorni locale sul lungomare di Senigallia. Non era la prima volta: ecco il perché della maxi stangata in piena estate. Nell’ambito del progetto "Estate insieme e sicura" predisposto dal Questore di Ancona, sabato scorso il personale della Squadra Amministrativa e di Sicurezza della Questura e del Commissariato PS di Senigallia, nel corso di un controllo amministrativo, ha sorpreso un gruppo di 6 ragazzi che festeggiavano bevendo prosecco seduti al tavolo posto su un soppalco di pertinenza di un noto locale del lungomare. Cinque ragazzi risultavano minori degli anni 18 e uno di essi non ancora 16enne. Altri 5 minori venivano controllati ed identificati mentre erano intenti a bere negli altri tavoli, posti al piano inferiore del locale.

Genitori contattati

La persona presente al posto della titolare è stata deferita per la violazione di cui all’art. 689 C.p. per avere somministrato/venduto alcol a ragazzini (minori di 16 anni). Nel contempo sono stati redatti due verbali di contestazione amministrativa per la violazione della legge 125/2001 per avere venduto alcol a minori di anni 18. Si è reso necessario contattare i genitori per l’affidamento dei minori, previsto in questi casi dalla legge. Il locale in questione era già stato oggetto di analoghi episodi, poiché è da mesi un ritrovo di giovani e giovanissimi, dediti al consumo di bevande alcoliche.

I precedenti

Nell’aprile 2021 una Volante era intervenuta in un esercizio commerciale adiacente al locale in questione: la titolare aveva avuto problemi con alcuni giovani che avevano acquistato alcolici nel bar oggetto dei controlli. I ragazzi, piuttosto alticci, avevano insultata la donna e derisa. La richiedente lamentava che nei fine settimana si raggruppavano molti ragazzi per consumare alcolici e noncuranti delle norme anti-Covid si assembrano, bevono alcol, litigano tra di loro e sporcano l’area circostante, lasciando i loro bisogni fisiologici ovunque, incuranti del passaggio di persone tra cui donne e bambini.

Nel maggio 2021 personale di Polizia prendeva contatti con alcuni esercenti che svolgono attività lavorativa nei pressi del citato locale, i quali lamentavano che spesso il Bar in questione era frequentato da minorenni dediti al consumo di alcol e all’uso di sostanze stupefacenti e si rivolgevano in modo arrogante e maleducato minacce ed intimidazioni con il classico atteggiamento del “branco”. In particolare, i commercianti riferivano di non poter più sopportare tale situazione di degrado ed insicurezza, tale da determinare anche una notevole perdita di clienti.

Età non verificate

Sempre nel maggio 2021 era stato presentato anche un esposto che denunciava la situazione di degrado urbano e di pericolo creato dai giovani avventori del Bar. Alla fine di maggio mirata attività di Polizia amministrativa permetteva di notare presso il locale in questione due giovanissime ragazze che bevevano alcolici sedute ad un tavolo di pertinenza del suddetto locale, senza che gli addetti alla mescita delle bevande avessero verificato la loro età. Le due giovani erano risultate al controllo sedicenni e confermavano di aver consumato bevande alcoliche acquistate poco prima nel predetto locale. Conseguentemente, il signor Questore di Ancona emetteva provvedimento ex art. 100 TULPS a carico del titolare del locale per la durata di giorni 15, notificato in data 29 maggio 2021. I nuovi controlli espletati hanno permesso di accertare come il locale abbia sostanzialmente continuato a creare forte allarme sociale somministrando alcol a minorenni, e così colpendo una fascia debole della popolazione protetta in modo particolare dalla Legge, mettendo a rischio la sicurezza e la salute pubblica.

Il cartello di chiusura posto davanti al locale

Alla luce di quanto accaduto, è stato disposta la chiusura del locale, con decreto ex art. 100 TULPS emesso dal questore di Ancona, per 20 giorni. Conseguentemente, questa mattina personale della Squadra Amministrativa e di sicurezza della Divisione di Polizia amministrativa della Questura e del commissariato PS di Senigallia ha posto i sigilli dinanzi al locale, con affissione di un cartello attestante la chiusura.

Come è stato già segnalato, nel week-end scorso è stata realizzata un’ intensa attività che ha visto gli uomini della Polizia di Stato del Commissariato PS di Senigallia con l ausilio di agenti della Divisione della Polizia Amministrativa e le Unità Cinofile della Questura di Ancona nonché la Polizia Stradale di Ancona e la Polizia locale di Senigallia, tutti impegnati ad assicurare controlli in occasione delle molteplici iniziative organizzate in città cui hanno presenziato migliaia di persone. Gli agenti hanno effettuato servizi sia in città che su tutto il lungomare cittadino sia a nord, dove erano in programma diverse feste negli stabilimenti, che a sud, dove la scorsa settimana era stato segnalato qualche episodio con protagonisti dei giovani. Gli agenti, sia in divisa che in borghese, hanno effettuato mirati controlli amministrativi per quanto attiene al contrasto al fenomeno della somministrazione di alcol ai minori ed inoltre hanno identificato numerosi giovani presenti nella zona del lungomare Alighieri. Controlli sono stati estesi agli stabilimenti ove erano in corso feste danzanti accertando il possesso della prevista autorizzazione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA