Norme non rispettate, la birra tra amici costa cara a tutti: locale chiuso, clienti multati

Mercoledì 7 Aprile 2021 di Sabrina Marinelli
Norme non rispettate, la birra tra amici costa cara a tutti: locale chiuso, clienti multati

SENIGALLIA  - Un bar chiuso per aver fatto sedere al tavolo quattro clienti, una festa abusiva in casa e ospiti arrivati da fuori regione in un altro appartamento. Sono alcune delle violazioni riscontrate dai carabinieri nel corso dei controlli concentrati nel lungo ponte di Pasqua, partiti all’inizio del mese. Ben 19 le sanzioni elevate a carico di quanti non avevano rispettato le disposizioni in vigore per ridurre il contagio del virus

LEGGI ANCHE:

Tutti a spasso nella zona rossa. Salasso da 17mila euro per i furbetti e stop di 5 giorni a tre locali: denunciati due negozianti

 


Proprio il primo aprile i militari della compagnia di Senigallia, guidati dal captano Francesca Romana Ruberto, hanno notato la presenza di alcune persone all’interno di un bar del centro storico di Senigallia. Una volta entrati hanno potuto appurare che quattro clienti stavano consumando da bere, comodamente seduti al tavolo nonostante l’attività potesse svolgere esclusivamente l’asporto. I quattro avventori, tutti senigalliesi di 60 anni come età media, sono stati sanzionati ciascuno con una multa da 400 euro. Si erano ritrovati al bar a chiacchierare come nulla fosse. Multato anche il titolare del locale che ha avuto inoltre cinque giorni di chiusura. Solo oggi potrà riaprire l’attività.

I carabinieri invece a Corinaldo, la stessa sera del 1° aprile, hanno effettuato una verifica all’interno di un’abitazione dove era stato segnalato un assembramento con persone arrivate da fuori regione. I carabinieri dentro l’appartamento hanno trovato quattro persone. Due di Corinaldo, tra cui il proprietario. Si tratta di un 44enne che è stato segnalato in Prefettura come assuntore di sostanze stupefacenti, avendo trovato all’interno della casa 1,5 grammi di anfetamina. E’ stata notata dai militari mentre stavano effettuando l’identificazione dei presenti. Il proprietario di casa se n’è assunto la responsabilità, riferendo che era la sua e che la deteneva per uso personale. Inoltre due degli ospiti risultavano residenti nel Comune di San Sepolcro, in provincia di Arezzo e per questo motivo sono stati sanzionati essendo arrivati da fuori regione. Multato anche l’altro ospite pur essendo di Corinaldo ma, in zona rossa, non avrebbe potuto trovarsi a casa dell’amico soprattutto dopo il coprifuoco delle 22. 


La notte di Pasqua inoltre, intorno all’una e mezza, i carabinieri sono entrati in un’abitazione di Ostra al cui interno c’erano cinque ragazzi, tutti 20enni. Il proprietario aveva invitato quattro amici per festeggiare insieme ma tutti sono stati multati per assembramento. Infine nel corso dei controlli svolti negli ultimi giorni tra Senigallia e Trecastelli, i carabinieri hanno sanzionato anche altre sei persone che sono state trovate in giro senza indossare la mascherina oppure che non rispettavano le distanze, necessarie per evitare assembramenti.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA