Sassoferrato: si rifiuta di abbracciare una donna, ragazzina presa a pugni in un bar.
Pestaggio dopo uno scambio di persona

Le indagini sono del commissariato di Fabriano
Le indagini sono del commissariato di Fabriano
di Marco Antonini
3 Minuti di Lettura
Venerdì 19 Agosto 2022, 05:00 - Ultimo aggiornamento: 15:20

SASSOFERRATO  - Una sedicenne compra caramelle in un pubblico esercizio a Sassoferrato e, improvvisamente, viene aggredita e picchiata da una trentenne, già nota alle forze dell’ordine. La minorenne è stata ferita ed è dovuta ricorrere alle cure dei sanitari del pronto soccorso di Fabriano che hanno refertato ben 15 giorni di prognosi. I poliziotti del Commissariato di Fabriano, agli ordini del commissario Capo, Moira Pallucchi, hanno denunciato per lesioni una trentenne del posto. La donna avrebbe scambiato la sedicenne per una ragazzina di sua conoscenza, tentando di abbracciarla.

La minorenne si è sottratta e in tutta risposta è stata picchiata selvaggiamente in un locale di Sassoferrato. Il caso si è chiuso ieri con l’invio degli atti in Procura. Tutto è iniziato quando la 16enne di Sassoferrato ha deciso di andare a comprare delle caramelle in un negozio. Improvvisamente è stata avvicinata da una 30enne, probabilmente ubriaca secondo gli investigatori, che voleva abbracciarla, avendola confusa per una ragazzina di sua conoscenza. La minorenne, però, ha tentato di sottrarsi a questo abbraccio. Un atteggiamento che ha fatto scattare rabbia nella 30enne che l’ha aggredita con diversi calci e pugni. Una furia violenta alla quale hanno assistito, inerti, anche altri avventori presenti nel pubblico esercizio di Sassoferrato.  I poliziotti, appena avuta segnalazione dell’aggressione, hanno immediatamente avviato le indagini identificando l’autrice.

«Grazie alle testimonianze delle persone presenti nel locale ed alla visione delle immagini delle telecamere interne, gli agenti della polizia di Fabriano hanno accertato che la giovane vittima, mentre stava comprando delle caramelle nel bar in questione, è stata aggredita senza alcun motivo da una trentenne del luogo, che l’ha picchiata selvaggiamente davanti agli occhi attoniti dei presenti» si legge in una nota del Commissariato. Secondo la ricostruzione degli agenti la vittima, rea di non aver dato confidenza alla sua assalitrice che, a tutti i costi la voleva abbracciare, probabilmente per averla confusa con un’altra, «si è vista letteralmente piombare addosso la donna che l’ha afferrata per i capelli e scaraventata a terra, per poi salirle sopra a cavalcioni mentre la colpiva al volto e nella parte superiore del corpo».

 A fatica le persone presenti nel locale sono riuscite a trascinare via l’assalitrice che, «probabilmente su di giri per avere assunto alcolici, non voleva sentire ragioni e si dimenava in modo incontrollato mentre, letteralmente di peso, le persone la trascinavano fuori» conclude la ricostruzione della polizia. Ieri la responsabile di questi fatti, già conosciuta alle forze dell’ordine per episodi analoghi, è stata denunciata per le lesioni procurate alla ragazza, refertate con quindici giorni di prognosi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA