Olio pugliese vecchio rivenduto come nuovo e prodotto nelle Marche: padre e figlio nei guai

Mercoledì 15 Gennaio 2020
San Marcello, olio pugliese vecchio rivenduto come nuovo e prodotto nelle Marche: padre e figlio nei guai

SAN MARCELLO - Riciclavano olio d'oliva vecchio, proveniente della Puglia, comprandolo a 5 euro al litro e rivendendolo fino a 24 come Olio Extra Vergine Nuovo con Indicazione Geografica Tipica Marche: nei guai un imprenditore agricolo ed il padre.

LEGGI ANCHE:
Uccise il figlio di 5 anni ma non era in grado di intendere e di volere: assolto in Appello

Furiosa rissa in piazza: all'ospedale uno straniero preso a bottigliate in testa

Nell’ambito della campagna di controlli sulla produzione di Olio EVO (extra vergine di oliva)biologico e altri prodotti, avviata nel 2019 dai Carabinieri Forestale delle Marche, i militari della Stazione di Sassoferrato in collaborazione con i colleghi di Jesi–San Marcello e grazie ad una segnalazione della Stazione di Serracapriola (Foggia), hanno sventato nei giorni scorsi un tentativo di frode ai danni dei consumatori in un frantoio di San Marcello. L’operazione è partita dopo che i Forestali pugliesi avevano intercettato un carico di olio sospetto durante un normale controllo stradale e allertato i colleghi delle Marche. Questi ultimi, dopo una tempestiva indagine, hanno scoperto e sequestrato un carico di 1200 litri di olio extravergine della campagna olearia 2018-2019, privo della prevista certificazione biologica e proveniente da un frantoio di Lucera in provincia di Foggia, occultato all’interno di anonimi contenitori in un frantoio marchigiano, pronti per essere miscelati con l’olio di produzione locale e imbottigliati come Olio Extravergine di Oliva nuovo, biologico e addirittura con Indicazione Geografica Protetta “Marche”.  L’olio vecchio, pagato meno di 5 euro al litro, sarebbe stato poi rivenduto con la nuova data di scadenza fino a 24 euro al litro, con un guadagno illecito di alcune decine di migliaia di euro. Per questo un imprenditore agricolo e suo padre sono stati denunciati in concorso per tentata frode in commercio aggravata e tentata contraffazione di indicazioni geografiche e rischiano multe salatissime e finanche la reclusione. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA