Malata di tumore derubata in piazza: «Erano i soldi per i regali ai nipoti»

Malata di tumore derubata in piazza: «Erano i soldi per i regali ai nipoti»
Malata di tumore derubata in piazza: «Erano i soldi per i regali ai nipoti»
di Stefano Rispoli
3 Minuti di Lettura
Domenica 6 Dicembre 2020, 02:55 - Ultimo aggiornamento: 09:30

POLVERIGI  - Un toccante appello su Facebook per smuovere la coscienza di chi, mercoledì scorso, ha trovato a terra un portafogli e, invece di consegnarlo alle forze dell’ordine, si è intascato i soldi ed è scappato. Non poteva sapere che quel denaro era di una pensionata del posto, malata di tumore: l’aveva appena prelevato da un bancomat per fare le spese quotidiane e comprare i regali di Natale per i figli e i nipoti. 

LEGGI ANCHE:

 
La speranza è che adesso il ladro, leggendo questa storia, si penta e restituisca le banconote sottratte alla signora, che ancora non si dà pace per quanto accaduto. Il portafogli le sarebbe caduto inavvertitamente in piazza Umberto I a Polverigi, mercoledì scorso, giorno di mercato. Se n’è accorta quando è salita in auto dopo aver fatto spesa in un paio di negozi. «Dalla sua abitazione avrà percorso circa 300 metri - racconta l’avvocato Marco Chiarugi, amministratore del gruppo Facebook “Polverigi Today” -. All’interno del portafogli c’erano i soldi per i regali di Natale per i figli e i nipoti. Forse il suo ultimo Natale poiché è malata oncologica. Il portafogli è stato ritrovato in chiesa con i documenti, ma senza denaro. La sua fragilità dovuta alla malattia è stata ulteriormente amplificata dalla perdita del denaro. Quello che mi è stato chiesto è ricucire la ferita al cuore della signora, sensibilizzando chi si è appropriato di questa somma alla restituzione, totale o parziale, magari consegnando il denaro al parroco oppure mettendolo nella cassetta della posta della persona che l’ha perso. Sarebbe un bel gesto, sarebbe Natale anche per chi se n’è appropriato». Non è chiaro se la signora abbia smarrito il portafogli o le sia stato rubato. Ma quando se n’è accorta, era ormai troppo tardi. 

«Polverigi è una piccola comunità - aggiunge l’avvocato Chiarugi -, magari leggendo questa storia il ladro potrebbe ripensarci, specie se è stata una bravata di qualche ragazzino». Leggendo l’annuncio social, qualcuno ha proposto di organizzare una colletta per la signora: un piccolo grande gesto per ritrovare lo spirito più autentico del Natale. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA