Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

È caccia alla mucca Luisa, verrà abbattuta: è fuggita da una fattoria ormai due mesi fa

È caccia alla mucca Luisa, verrà abbattuta: è fuggita da una fattoria ormai due mesi fa
È caccia alla mucca Luisa, verrà abbattuta: è fuggita da una fattoria ormai due mesi fa
3 Minuti di Lettura
Sabato 4 Giugno 2022, 03:50 - Ultimo aggiornamento: 15:53

OSIMO - O torna a casa entro un paio di giorni o Luisa farà una brutta fine. Da lunedì parte la caccia a una bovina di quasi 5 quintali scappata da una fattoria di Osimo e ritenuta un pericolo pubblico. Il sindaco Pugnaloni, su invito del servizio Sanità animale della Asur, ha dovuto firmare nei giorni scorsi una ordinanza spietata: le forze dell’ordine sono autorizzate a ucciderla con armi da sparo, visto che catturarla e riportarla a casa è a quanto pare impossibile.

 
Luisa, così la chiama il proprietario, è scappata da quasi due mesi e mezzo dall’azienda agricola di Vincenzo Stacchiotti di via Chiaravallese, verso San Paterniano. Il titolare ha provato a recuperarla ma non ci riusciva e il 28 marzo si è rivolto ai carabinieri di Osimo denunciando l’allontanamento dal perimetro aziendale della mucca da 450 chili. In queste settimane l’esemplare di razza Charolaise ha girovagato nel parco della tenuta di Villa Simonetti, che non è recintato. Il proprietario preoccupato le lasciava da mangiare più volte al giorno ma lei è riuscita sempre a sfuggire ai vari tentativi di cattura. E in più di un’occasione avrebbe sfiorato le strade pubbliche, compresa la provinciale che da Osimo porta a San Paterniano, diventando un pericolo. Il proprietario ha dovuto chiedere al comando di polizia provinciale di intervenire per l’abbattimento mediante proiettile, come metodo di eutanasia previsto dalla legge per la sicurezza veicolare.

Nell’ordinanza il sindaco scrive che «esiste il concreto pericolo dello sconfinamento negli atri territori dei Comuni limitrofi», come Offagna o Polverigi. E ancora: «l’abbattimento dovrà avvenire nel più breve tempo possibile e sarà eseguito dal comando polizia provinciale di Ancona con la collaborazione delle autorità competenti per garantire la sicurezza durante le operazioni». Le spese saranno a carico del proprietario, comprese quelle di trasporto e recupero della carcassa. Gli agenti inizieranno la caccia lunedì. C’è chi in queste ore tifa per la fuga di Luisa, il cui destino sarebbe segnato, la bovina è da macello e non da latte.

© RIPRODUZIONE RISERVATA