Osimo, allarme scabbia alla casa
di riposo: sette pazienti infettati

Allarme scabbia alla casa
di riposo: sono sette
i pazienti infettati
di Giacomo Quattrini
OSIMO - Casi di scabbia tra gli ospiti della casa di riposo della Fondazione Recanatesi a San Sabino. La struttura con la sede da pochi anni ristrutturata e ampliata in via Flaminia II, che vanta 131 posti letto, 24 diurni e un fatturato da 3,7 milioni di euro, da quasi un mese deve fare i conti con l’acaro che ha infettato una parte del primo piano, quello dove si trovano i degenti autosufficienti. A portare il parassita è stata una paziente arrivata tra Natale e Capodanno da una Rsa della provincia (non sarebbe quella di Castelfidardo). Ai primi sintomi, come rigonfiamenti sulla pelle e prurito, il responsabile sanitario del Recanatesi aveva avvisato il presidente del cda della Fondazione, Iacopo Bellaspiga, per chiedere l’intervento di un medico esterno.
 
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
Scopri la promo
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Domenica 20 Gennaio 2019, 04:55 - Ultimo aggiornamento: 04:55