I ladri non si fermano, altri tre furti. E cresce la paura tra i cittadini

Sabato 28 Dicembre 2019
I ladri non si fermano, altri tre furti. E cresce la paura tra i cittadini

OSIMO - La polizia municipale, in coordinamento con le forze dell’ordine che presidiano il territorio, ha iniziato i puttugliamenti serali per proteggere le abitazioni. I cittadini si sono mobilitati, con una chiamata a raccolta su WhatsApp per i controlli fai-da-te spinti da preoccupazione ed esasperazione. Ma intanto l’allarme furti resta rosso. Sono le liste civiche a schiacciare ancora una volta il pulsante dell’emergenza. 


LEGGI ANCHE:

Castelfidardo nel mirino dei ladri. Tre colpi, uno va a segno. Il sindaco manda la polizia locale in strada

Osimo, prigionieri in casa contro i furti. Iniziano i pattugliamenti notturni dei vigili


«Ennesimo tentativo di furto l’altra notte in un noto esercizio commerciale nel centro di Osimo Stazione. Altri due colpi fra San Biagio e Abbadia», annuncia un messaggio su Facebook. Poi passano alla polemica politica, ne hanno un po’ per tutti. «I grillini per voce della Andreoli strillano che il nostro invocare più sicurezza è allarmismo. La Lega per voce di Alessandrini minimizza che le nostre richieste non servono. La gente è arrabbiata e ha percezione di non essere difesa». Morale: «Noi continuiamo ad aiutare le persone impegnandoci con i nostri volontari a essere vicino alle loro abitazioni durante le notti». 

Il tema della sicurezza è scottante. Nei giorni scorsi c’era già stato un botta e risposta a distanza tra liste civiche e amministrazione comunale. A incrociare le spade dei post nell’arena dei social erano stati Latini e Pugnaloni. Il guanto di sfida su Facebook l’aveva lanciato Latini, dopo l’escalation di colpi in casa. L’ex sindaco si era fatto un videoselfie da San Biagio diffuso sui social nel quale aveva chiesto più pattugliamenti e annunciato ronde da parte di volontari delle Liste civiche nella frazione.

La replica di Pugnaloni non si era fatta attendere. «Le ronde eventualmente si fanno in gruppo e non con video selfie dove si vede solo una persona. Non sono lo strumento idoneo a fermare la criminalità, anzi è pericoloso per l’incolumità dei cittadini. E poi farle di notte come dicono le civiche non serve perché i furti avvengono tra le 17 e le 20. I video per accaparrare consenso su Facebook non servono, serve semmai un buon controllo di vicinato».

© RIPRODUZIONE RISERVATA