Covid a scuola, ora i casi salgono a otto. Due positivi: la Robur Basket si ferma

Domenica 25 Ottobre 2020 di Giacomo Quattrini
Covid a scuola, ora i casi salgono a otto. Due positivi: la Robur Basket si ferma

OSIMO -  Dalle scuole alle società sportive, dilagano i casi di positività tra i giovani ad Osimo. Dopo essere entrato al Corridoni Campana e alla materna di Passatempo, il virus ieri ha scosso altre due scuole, la media del Borgo e quella di Osimo Stazione, ma non solo. Anche la Robur Basket ha comunicato che propri tesserati sono contagiati. 

LEGGI ANCHE:

Accertati altri bambini positivi: scatta l’isolamento in due elementari e una materna

 
Andiamo per ordine, aggiornando il numero ad oggi noto dei casi di Covid nelle scuole. Arrivati l’altro ieri a sei, segnalati alla media della Caio G.Cecare, alle elementari Fornace Fagioli e Campocavallo, alle materne Girotondo e di Passatempo e infine al Liceo scientifico Campana, siamo ora ad otto. Il settimo contagio è alla scuola media della Stazione, che fa riferimento all’Istituto comprensivo Bruno da Osimo, con alunni e maestri a contatto tutti in quarantena. E l’ottavo positivo al virus è alla media di Borgo San Giacomo, che fa capo invece all’Istituto Trillini. In questa circostanza però il contagio sarebbe avvenuto in ambito famigliare e quindi la dirigenza del Trillini senza una indicazione dalle autorità sanitarie non ha dovuto mandare in isolamento l’intera classe e gli insegnanti.

 

La Asur ha circoscritto la tracciabilità del contagio fuori dalla scuola, mandando in quarantena solo i famigliari del ragazzino, così come avvenuto al Corridoni Campana, dove uno studente è risultato positivo dopo i test svolti dalla sua squadra di calcio, il Montefano, per via di un giocatore risultato positivo nei giorni precedenti. 
In entrambi i casi però le famiglie degli alunni che continuano ad andare in classe nonostante il compagno in quarantena si dicono preoccupate e chiedono rassicurazioni. Anche perché il conto dei positivi nelle aule ormai si sta perdendo vista l’escalation degli ultimi tre giorni. La Robur Basket ha svolto invece privatamente uno screening di tamponi antigenici a giocatori, staff tecnico e dirigenti. E il risultato è di un cestista e un componente dello staff risultati positivi al Covid, entrambi asintomatici e ora in isolamento. Per precauzione, anche se gli altri erano negativi, sono stati sospesi allenamenti e gare. 


Nel frattempo, le tre case di riposo di Osimo, ancor prima delle direttive della Regione a tutela dei degenti delle Rsa, avevano già bloccato le visite dall’esterno a inizio settimana. «Stiamo isolando gli ospiti che hanno svolto delle visite mediche esterne e -spiega Fabio Cecconi presidente del Buttari- stiamo implementando le videochiamate con i familiari che da mercoledì non possono più entrare, cercando di sostenere gli ospiti con l’animazione ed il supporto psicologico. È una fase molto delicata». Jacopo Bellaspiga presidente della Fondazione Recanatesi ammette che «la situazione non ci fa stare tranquilli e dunque pur attenendoci ai protocolli e utilizzando tutti i dpi, fino a nuove disposizioni niente parenti in struttura, potenziamento di contatti audio video e delle ore di animazione per evitare ogni deterioramento cognitivo dell’anziano». 

Al Bambozzi le visite in alcuni casi sono consentite, quelle per gli ospiti non allettati, «ma i parenti -precisa la presidente Laura Cionco- restano fuori dalla struttura, sfruttiamo i locali della guardiola dove siamo stati costretti ad abbassare il vetro sino alla soglia per evitare il contatto fisico e il passaggio di oggetti, che possono essere consegnati tramite gli uffici, e dopo 48 ore di decantazione vengono dati all’ospite». Al momento i tamponi svolti nelle tre strutture sono stati negativi, sia ad ospiti che ad operatori sanitari sottoposti a controlli mensili, che diventano ora quindicinali.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA