Focolaio Covid dopo la festa di compleanno: tre classi in quarantena. E il sindaco tiene chiuse materne ed elementari

Giovedì 23 Dicembre 2021 di Giacomo Quattrini
Focolaio Covid dopo la festa di compleanno: tre classi in quarantena. E il sindaco tiene chiuse materne ed elementari

OSIMO - Torna forte l’allarme di focolai Covid in Valmusone. Le situazioni più critiche a Offagna, Osimo e Castelfidardo. Sotto la Rocca c’è la peggior incidenza di positivi per numero di abitanti: a ieri, stando al portale della Regione Marche, gli offagnesi infettati erano 41 su 2mila abitanti, dunque 1 ogni 48. A questo dato se ne aggiunge un altro inquietante, le 116 quarantene, in sostanza un offagnese ogni 17 è costretto in isolamento. 

Allegra racconta: «La mia vita da prof no vax: siamo sospesi e senza stipendio. L’insegnamento va tutelato»

 

Il provvedimento

Anche per questo il sindaco Ezio Capitani da lunedì ha deciso di tenere chiuse le suole materne ed elementari, lasciando aperta la media. Ciò ha sollevato perplessità e proteste da parte di numerose famiglie con figli divisi magari tra medie ed elementari. «La situazione critica –commenta il sindaco- dipende anche dalla bassa percentuale di vaccinati, siamo alle ultime posizioni tra i comuni della provincia». Vista l’emergenza, mai vissuta in questi termini nel borgo medievale, che fino a poche settimane fa era Covid-free e non aveva mai superato i 20 positivi da inizio pandemia, il Comune e le associazioni con le quali collabora hanno deciso di annullare degli eventi natalizi. Era prevista musica in piazza per la Pasquella mentre i ragazzi del Gruppo Storico Offagna avevano programmato la solita distribuzione dei regali vestiti da Babbo Natale con castagne e vin brulè prima e dopo la messa di mezzanotte di domani sera. «Abbiamo deciso di mettere solo un po’ di musica, dispiace ma il livello di contagio sconsiglia altro, abbiamo deciso d’accordo con le associazioni» ha detto Capitani. 
Ad Osimo c’è il maggior numero di positivi in Valmusone, ben 234, ma se rapportati ai quasi 35mila residenti il tasso di incidenza è di un contagiato ogni 149 osimani, tre volte e mezzo meno di Offagna. Anche qui a pesare sono i contagi in classe. «Ci sono dei piccoli focolai, come a Passatempo con tre classi in quarantena, ma è inutile fare ora l’ordinanza di chiusura, ormai siamo arrivati alla pausa natalizia, valuteremo semmai al rientro» ha riferito ieri il sindaco Pugnaloni. Proprio in città sta montando l’allarme di quarantene forzate a Natale dopo che è esploso un piccolo focolaio lo scorso weekend in seguito ad una festa di compleanno. Decine di bambini a festeggiare un amichetto di 10 anni senza troppe precauzioni e così a distanza di pochi giorni sono emersi 5 casi positivi con tre classi in quarantena di due Istituti diversi e il pericolo che ci finiscano ora anche quelle dei fratelli dei contagiati. 

Lo scenario

Al momento le quarantene ad Osimo sono ben 426 ma potrebbero aumentare in base alle valutazioni di Asur e dirigenti scolastici nelle prossime ore. A Castelfidardo gli infettati erano a ieri 176, quindi un positivo ogni 102, in proporzione al numero di abitanti la situazione è meglio di Offagna ma peggio di Osimo. A Loreto, dove il sindaco già in zona bianca aveva imposto la mascherina all’aperto, la situazione migliora e i positivi sono scesi a 81, con 179 quarantene. Seguono Camerano con 68 positivi e 89 in isolamento, Sirolo con 29 infettati e 38 quarantene e infine Numana con appena 16 positivi e 32 isolamenti.

 

Ultimo aggiornamento: 24 Dicembre, 16:27 © RIPRODUZIONE RISERVATA