In 1.400 per 13 posti in Comune, ma alla prima prova del concorso si presenta la metà degli iscritti

In 1.400 per 13 posti in Comune, ma alla prima prova del concorso si presenta la metà degli iscritti
In 1.400 per 13 posti in Comune, ma alla prima prova del concorso si presenta la metà degli iscritti
di Giacomo Quattrini
3 Minuti di Lettura
Giovedì 10 Marzo 2022, 03:15

OSIMO - Sono iniziati ieri al PalaBaldinelli di Villa gli esami scritti del concorso indetto dal Comune per assumere 13 nuovi dipendenti a tempo fisso. Sono cinque gli avvisi chiusi il 14 febbraio ai quali si sono iscritti in 1.383. Degli aventi diritto a entrare al palas per svolgere la prima prova circa il 50% ieri ha disertato, ma il dato è ritenuto fisiologico in tutti i concorsi pubblici. Ad esempio in mattinata l’esordio delle procedure concorsuali spettava ai 351 che avevano partecipato al bando indetto per tre posti da istruttore direttivo amministrativo categoria D: se ne sono presentati in 157, alcuni anche da fuori regione.

  

I turni 

Nel pomeriggio invece due turnazioni (alle 13,30 e alle 16,30) per avviare il concorso più corposo, quello per i quattro posti da istruttore amministrativo categoria C (impiegato) per il quale era sufficiente il diploma di maturità e al quale, forse anche per questo, avevano avanzato la propria candidatura in ben 810. Al primo turno delle 13,30 dei 411 convocati se ne sono presentati 213, anche qui alla fine circa il 50% ha insomma desistito. 
Oggi toccherà ai 130 che hanno chiesto di partecipare al concorso per i quattro posti di geometri categoria C, poi i 78 che si contenderanno il posto disponibile per istruttore anagrafe e servizi demografici e infine i 15 che puntano all’unica assunzione come informatico categoria D. Chi passerà la prova scritta verrà convocato per quella orale tra un paio di settimane dopodiché saranno stilate le graduatorie dalle quali verranno assunte le professionalità richieste già entro il mese prossimo. Le cinque graduatorie resteranno valide per due anni e potranno essere usate anche da altri enti pubblici. 
Lo stesso Comune di Osimo attingerà per il prossimo blocco di assunzioni previsto sia per figure amministrative che tecniche. In particolare il piano triennale del personale 2022-2024 prevede dopo questa prima infornata di 13 assunzioni, altre 6 entrate. Una sarà dedicata ad agente di polizia locale con scorrimento della graduatoria di mobilità del Comune o altri enti, mentre 5 assunzioni avverranno proprio con le graduatorie che si formeranno con i concorsi partiti ieri. Per l’anno prossimo si prevede l’ingresso di un istruttore amministrativo, un geometra, un istruttore direttivo tecnico e due istruttori direttivi amministrativi. In Comune ad oggi ci sono 109 dipendenti di cui 18 nel dipartimento Economico finanziario, 25 nel dipartimento Gestione del territorio, 33 nel dipartimento Affari generali e infine 31 nella Polizia municipale. I 109 dipendenti comportano per l’ente una spesa annuale di 2.422.039 euro. Ai dipendenti vanno aggiunti i tre dirigenti (uno nel dipartimento Economico finanziario e due in quello Gestione del territorio, di cui uno non di ruolo) che costano annualmente al Comune 136.537 euro. Infine c’è il segretario comunale per il quale il costo per le casse comunali è di 103.574 euro ma svolge anche il ruolo di dirigente Affari generali. L’assessore al personale Michela Glorio si è tenuta ieri costantemente in contatto con la società esterna, la Quanta, scelta per organizzare la logistica e garantire la sicurezza e la correttezza delle procedure concorsuali.

© RIPRODUZIONE RISERVATA